L’associazione Ashiafatima impegnata a favore degli scolari del villaggio di Bamenda

AshiafatimaL’istruzione è il grande motore dello sviluppo personale. È attraverso l’istruzione che la figlia di un contadino può diventare medico, che il figlio di un minatore può diventare dirigente della miniera, che il figlio di un bracciante può diventare presidente di una grande nazione”.
È in queste poche righe di Nelson Mandela che si riassume tutta la logica in cui si colloca l’attività dell’Associazione “AshiaFatima” che da ormai otto anni porta avanti il progetto, più che mai concreto di realizzare una struttura in cui ospitare i bambini orfani ed in difficoltà del villaggio di Bamenda (Cameroun), garantendogli così una casa accogliente ed una presenza amorevole che li accompagni nella loro crescita. Anche quest’anno – il prossimo 14 Ottobre – i volontari dell’associazione torneranno in Cameroun e, proprio in vista della loro partenza, hanno deciso di dare il via ad una campagna di raccolta di materiale scolastico di qualsiasi genere da portare in Africa e che doneranno ai bambini del villaggio per permettergli di andare a scuola e studiare come ogni bimbo avrebbe il diritto di fare.

” Per portare avanti il nostro sogno abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti“, queste le parole di Claudio Panella, presidente di AshiaFatima, al lancio dell’iniziativa, “è da questi piccoli gesti che nascono i grandi cambiamenti”.