La Camera di commercio di Reggio Calabria per l’export

La Camera di commercio di Reggio Calabria per l’export. Dal 24 al 26 ottobre incoming mission pluripaese per le imprese reggine dell’agroalimentare

tramontana_simonelliLa Camera di commercio di Reggio Calabria si pone a fianco delle imprese reggine che vogliono aprirsi ai mercati esteri, offrendo loro l’opportunità di avviare rapporti di affari, attraverso la reciproca conoscenza, con operatori di paesi potenzialmente interessati ai prodotti agroalimentari del nostro territorio. Si tratta di un percorso che la Camera ha costruito anzitutto attraverso un processo di coinvolgimento e di condivisione che ha visto protagoniste le imprese locali che hanno aderito al Club delle imprese esportatrici della Città Metropolitana di Reggio Calabria. Si è infatti concordato, assieme alle aziende aderenti, un programma d’azione strutturato trasversalmente attorno a tre punti focali: l’apertura a nuovi mercati (attraverso l’organizzazione di incontri d’affari), l’assistenza alle imprese (attraverso lo sportello Worldpass), la qualificazione delle competenze delle imprese (per mezzo di mirati interventi formativi). Un percorso, inoltre, che la Camera ha elaborato tenendo conto delle principali risultanze emerse dalle rilevazioni statistiche dei flussi commerciali con l’estero, le cui dinamiche vengono costantemente monitorate ed esaminate. Nel 2016 l’export della Città Metropolitana di Reggio Calabria ha registrato valori superiori a 176 milioni di euro, il 19% in più rispetto al dato 2015, con una significativa concentrazione nei comparti manifatturieri dell’agroalimentare (56 milioni di euro) e della chimica (79 milioni di euro), che in larga parte vuol dire industria delle essenze. Rispetto a questi dati, la Camera ha indirizzato la propria attività per la realizzazione di un programma di incontri d’affari rivolto alle imprese che operano nel settore della trasformazione alimentare, privilegiando, sempre tenendo conto delle dinamiche dell’export, quei paesi, comunitari ed extracomunitari, che rappresentano i principali mercati di sbocco riuscendo ad assorbire ben oltre il 60% delle vendite reggine. Nel corso della terza sessione di incoming mission, svoltasi ieri presso l’Altafiumara Resort&SPA di Villa San Giovanni alla presenza di Pietro Simonelli dell’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, 43 imprese agroalimentari reggine hanno partecipato ad incontri B2B con 9 buyer provenienti da Svezia, Belgio, Repubblica Ceca, Canada e Kazakhstan, che hanno manifestato interesse ad attivare forniture di prodotti tipici locali. In particolare i produttori, appartenenti a tutte le filiere dell’agroalimentare, hanno coinvolto gli operatori esteri in piccoli viaggi sensoriali alla scoperta dei sapori calabresi, attraverso la degustazione guidata dei propri prodotti. L’iniziativa proseguirà oggi e domani (25 e 26 ottobre) con visite guidate dei buyer presso gli stabilimenti di produzione delle imprese. «La competitività internazionale rappresenta la principale prospettiva di crescita del sistema imprenditoriale italiano e la Camera di commercio di Reggio Calabria avverte con particolare responsabilità e impegno la sua funzione di supporto alle imprese reggine nel cruciale processo di internazionalizzazione dei loro prodotti» – ha affermato ieri, all’apertura dei lavori della sessione di incontri d’affari, il Presidente della Camera reggina Antonino Tramontana. «I riscontri positivi che continuano ad emergere via via che il programma di incoming elaborato dalla Camera va avanti – ha poi aggiunto il Presidente Tramontana – ci danno conferma della correttezza della strada intrapresa e costituiscono uno stimolo per un sempre maggiore impegno in questa direzione”.

I dati complessivi relativi all’andamento del commercio estero nella Città Metropolitana di Reggio Calabria nel IV trimestre 2016 sono scaricabili dal sito della Camera di Commercio di Reggio Calabria -www.rc.camcom.gov.it, Sezione Comunicazione– Newsletter trimestrale di informazione economica.

24_ott_17_3