Il Tar stronca il comune di Villa San Giovanni: annullata la nomina del vicesindaco

Il Tar ha annullato la nomina del vicesindaco del comune di Villa San Giovanni

comune-villa-san-giovanniIl Tar di Reggio Calabria ha accolto il ricorso di alcuni consiglieri di minoranza annullando così il decreto con cui il sindaco di Villa San Giovanni, Giovanni Siclari (sospeso per effetto della legge “Severino”) aveva nominato al suo posto come reggente il vicesindaco Maria Grazia Richichi.  I giudici amministrativi hanno anche bocciato l’atto con cui Maria Grazia Richichi aveva nominato la sua Giunta municipale, con il conseguente annullamento di tutti gli atti amministrativi adottati dalla compagine di centrodestra che guida il comune. Giovanni Siclari è stato condannato a un anno di reclusione per abuso d’ufficio per una concessione illegittima di uno stabilimento balneare. Nonostante la condanna e la sospensione prevista dalla legge Severino, Giovanni Siclari aveva deciso ugualmente di candidarsi a sindaco di Villa San Giovanni per la lista “Leali per Villa”, risultata vincente. Dopo la sua proclamazione Siclari aveva affidato a Maria Grazia Richichi l’incarico di vicesindaco procedura che adesso il Tar ha reputato illegittima.