Festa nel Mondo della scienza, nuova laurea per l’ingegner Matteo Lupatelli

Il plurilaureato multi-ingegnere ha esposto una elevatissima tesi dal titolo “DIAMOND an example of microservices architecture application” a tutta la comunità scientifica e studentesca, nazionale ed internazionale, ivi presente che si è unita numerosa nella gioia del traguardo raggiunto

lupatelli (1)In seno alla seduta di Laurea Magistrale del 25 ottobre 2017 presso la Sala del Chiostro in Via Eudossiana 18, sotto la presidenza del pluripremiato Prof. Lenzerini Maurizio, ha avuto luogo la presentazione della somma tesi di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica dell’ingegner Matteo Lupatelli (per contatti diretti vedi https://www.facebook.com/yemane.osman e https://it.linkedin.com/in/matteolupatelli ). Il plurilaureato multi-ingegnere ha esposto una elevatissima tesi dal titolo “DIAMOND an example of microservices architecture application” a tutta la comunità scientifica e studentesca, nazionale ed internazionale, ivi presente che si è unita numerosa nella gioia del traguardo raggiunto. La supervisione è stata dell’amico professor Massimo Mecella, che ha accompagnato il candidato lungo un cammino di alte sfide scientifiche e di olimpiadi matematiche. La tesi del candidato inizia innanzitutto con una dedica molto profonda che fa trasparire innanizitutto quelle che sono le sue doti umane: ” Alle persone che hanno creduto in me e che mi hanno sempre dato supporto”. Poi si passa subito alla trattazione di temi di alta attualità scientifica nell’ambito dell’informatica, quali i seguenti: Monolithical Era, Diamond Overview, Diamond deployment phase Diamond Infrastructure Diamond microservices Authorisation Microservice Network Inventory Microservice. Il candidato ha inoltre impressionato per la scelta di presentare il suo arduo lavoro esprimendosi completamente in lingua inglese per tutto il tempo, manifestando alta padronanza linguistica. La valutazione finale ha assegnato tutti i sommi voti alla tesi giudicata la migliore dell’anno. Per prendere visione della tesi, contattare il professore Vincenzo De Benedetto (https://www.facebook.com/vincenzo.debenedetto.7) che è in grado di distribuire in pochi secondi copie integrali della tesi in formato digitale a beneficio di tutti gli studenti e scienziati interessati. L’ingegnere Matteo Lupatelli consegue questa laurea non come obiettivo isolato della sua già brillante carriera, ma al contorno di una scalata che lo ha già portato, ancor prima della laurea, ad assumere incarichi di alta complessità presso NTT DATA Italia a Milano, dove egli processa milioni di dati al giorno in pochissimi secondi grazie al potere acquisito con i suoi studi. Matteo Lupatelli, parento dello storico dei Fatti di Reggio anni 70, ha ancora forti legami con il Sud. Egli trascorre ogni sua vacanza a Scilla, i cui abitanti sono onorati della sua presenza per l’organizzazione di attività culturali e di formazione. L’Osservatorio Romano fa gli auguri di una sempre più brillante e prosperosa carriera e dedica al pluri-dottore i seguenti versi:
NOSTRO IO rimembra LONTANO la trascorsa giovinezza
Tante stagioni furono
Tanta acqua passata nel greto del ruscello
Molte foglie cadute nel bosco ormai appassite
Cento gioie e dissapori della vita
Il ruscello è là ad attendere la traversata
Portando via in rivoli d’acqua i ricordi vissuti.
Al termine della laurea, ha avuto luogo la cerimonia della donazione di una copia del testo di C’ERO ANCH’IO da parte dell’autore nelle mandi del neo-plurilaureato. Questo gesto segnala il passaggio di consegne fra generazioni, nella speranza che Matteo Lupatelli possa applicare le sue doti nel campo manageriale e politico per condurre al riscatto la sua amata Scilla, la Calabria e poi l’intero Sud.

Vincenzo De Benedetto

lupatelli (2)