Ceccato 98 – Non è mai troppo tardi

ceccato 98di Enzo Cuzzola – Raccontava mia madre che la televisione, in casa nostra, era arrivata alla mia nascita. Gliela aveva regalata zio prete per il lieto evento. Le trasmissioni, in bianco e nero, venivano diffuse su due canali Rai, il primo ed il secondo, iniziavano nel primo pomeriggio . Ma in casa mia ne arrivava uno solo, in quanto il nostro televisore non era nato per due canali.

Mi piaceva molto guardare i programmi per ragazzi, come il corsaro nero e le avventure di gian burrasca. Ma mi piaceva anche guardare la trasmissione del maestro Manzi, non è mai troppo tardi. Avevo capito che era dedicata agli adulti che non sapevano leggere e scrivere, ma la trovavo anche molto utile per me, per arricchire le mie conoscenze scolastiche.

Ma il Governo dell’epoca aveva varato un piano di lotta all’analfabetismo che prevedeva, oltre alla trasmissione del maestro Manzi, il coinvolgimento sul territorio di giovani maestri, che avrebbero prestato il loro primo lavoro insegnando a leggere e scrivere agli adulti analfabeti.

Fu così che anche l’azione cattolica di Riparo organizzò uno di questi corsi, al quale si iscrissero molti degli adulti, anche quelli che qualche cosina sapevano pur leggere o scrivere, ma avevano sicuramente bisogno di saperne di più. Il corso veniva tenuto in una saletta messa a disposizione dal parroco don Zimbalatti, nella casa canonica.

Si iscrisse anche mio padre, che chiese alla maestra il permesso di portarmi con lui. Ottenuto il permesso ,  dotò anche me di libri e quaderni. Pensai lo facesse per evitare che mi annoiassi sempre in casa, dato che mi impedivano di giocare all’aperto per la malattia avuta.

Ma una sera uno degli anziani scolari, nel complimentarsi per la mia bravura, mi disse che mio padre aveva ragione a portarmi con sé, così avrei recuperato velocemente l’anno perso per la malattia.

Chiesi spiegazioni a mio padre. Mi disse che sì per loro “non era mai troppo tardi”, ma per me non sarebbe stato mai troppo presto. Avevo bisogno di imparare e di imparare presto.

Clicca qui per l’indice completo