Calabria.Beni confiscati alla mafia, Oliverio e Magorno pronti a portare la questione in Parlamento: “Inaccettabili le condizioni per gli assegnatari”

Beni confiscati alla criminalità organizzata, Oliverio e Magorno: “Cooperative in difficoltà, siamo di fronte a una condizione di eccezionale gravità, che subito va condivisa con le istituzioni nazionali e il Pd se ne farà carico attraverso la sua deputazione”

Dia“Porteremo all’attenzione del Parlamento, del Governo nazionale e della commissione parlamentare Antimafia le inaccettabili condizioni in cui si trovano ad operare diverse cooperative a cui sono stati affidati i terreni confiscati alla criminalità organizzata. Risulta, infatti, una sistematica difficoltà degli operatori delle cooperative di accedere ai campi coltivati, per procedere con la raccolta delle diverse produzioni e ciò a causa delle pesanti intimidazioni che questi importanti presidi di legalità  e di recupero sociale subiscono. Non più, dunque, distruzione di mezzi e strumenti di lavori, furti e ripetuti episodi di violenza, adesso la lunga mano della criminalità ostacola e si frappone al ciclo della produzione e del raccolto. Siamo di fronte a una condizione di eccezionale gravità, che subito va condivisa con le istituzioni nazionali e il Pd se ne farà carico attraverso la sua deputazione”- scrivono in una nota i deputati Pd Ernesto Magorno e Nicodemo Oliverio.