Arrestato nel reggino 22enne tunisino per ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale

Alcuni cittadini, nel reggino, avevano notato l’extracomunitario intento ad armeggiare all’interno di un’autovettura

carabinieri rosarnoMercoledì scorso, a Rosarno, nel corso di un servizio di controllo del territorio, i militari del Nucleo radiomobile di Gioia Tauro hanno arrestato MEME DIAYE MAMADOU, cittadino tunisino 22enne per ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale. Tutto nasceva dopo aver ricevuto una segnalazione al 112  da parte di alcuni cittadini, che avevano notato l’extracomunitario intento ad armeggiare all’interno di un’autovettura. Giunti immediatamente sul posto, i militari del pronto intervento dell’Arma notavano il 22enne uscire all’esterno dell’autovettura e darsi alla fuga.

Iniziato un piccolo inseguimento a piedi e una volta bloccato, il MEME cercava di divincolarsi e strattonava i militari, che dopo averlo immobilizzato lo arrestavano per resistenza a pubblico ufficiale. I successivi approfondimenti consentivano di accertare che l’auto a bordo della quale era stato sorpreso l’extracomunitario era stata rubata la notte precedente nella contrada Bosco di Rosarno; per tale ragione l’arrestato veniva denunciato anche per il reato di ricettazione. Dopo la convalida dell’arresto, il MEME veniva sottoposto agli arresti domiciliari presso la tendopoli di San Ferdinando.