A Villa San Giovanni l’incontro “un mare di risorse” per risvegliare le coscienze

Con l’iniziativa si è voluto sensibilizzare gli attori locali e le istituzioni regionali per una decisiva presa di coscienza delle grandi potenzialità di Villa e soprattutto per stimolare coloro i quali hanno potere decisionale affinché la cittadina sullo Stretto possa acquisire una propria, precisa, identità

comune-villa-san-giovanniSi è svolto Venerdì 29 Settembre l’incontro “UN MARE DI RISORSE” presso il centro sociale Baden Powell, organizzato dal Gruppo “I Diportisti Villesi” per sottolineare le criticità in cui versa Villa San Giovanni ad oggi città senza identità. Definito “paese dormitorio” a causa della posizione geografica che, se da un lato lo consacra luogo marinaresco privilegiato per l’affaccio sullo Stretto, dall’altro lo rende posto conosciuto solo per essere l’approdo per la Sicilia. Con l’iniziativa si è voluto sensibilizzare gli attori locali e le istituzioni regionali per una decisiva presa di coscienza delle grandi potenzialità di Villa e soprattutto per stimolare coloro i quali hanno potere decisionale affinché la cittadina sullo Stretto possa acquisire una propria, precisa, identità. All’incontro hanno partecipato i consiglieri regionali presenti On. Seby Romeo e On. Giovanni Arruzzolo e molti esponenti dell’amministrazione comunale. È stato il responsabile dei “Diportisti villesi”, Alberto Bellantoni, ad introdurre l’incontro ed a presentare gli obiettivi che gli stessi si pongono, sottolineando l’apoliticità del gruppo e l’unica e sola volontà che gli stessi hanno ovvero esporre i problemi che i diportisti stanno cercando insistentemente di risolvere coivolgendo la comunità affinché essa venga a conoscenza delle stesse. Presente al dibattito anche il sindaco F.F. Mariagrazia Richichi che nel proprio intervento ha sottolineato la propria disponibilità a collaborare per una fattiva risoluzione dei problemi. Questi ultimi esposti dal dott. Gaetano Bevacqua che, durante il proprio intervento ha discusso su come l’inquinamento stia drasticamente affliggendo la comunità villese. A proposito Bevacqua ha chiesto e si è auspicato che al più presto possano iniziare i lavori del polmone di stoccaggio in zona Castelluccio inoltre ha proposto la realizzazione di uno studio approfondito in sinergia con l’Università Mediterranea per capire la reale fattibilità del porto a sud per poter eliminare il traffico in paese restituendo l’attuale piazzale di stoccaggio dei mezzi alla città di Villa San Giovanni trasformandolo cosi punto sinergico e di fondamentale importanza per l’economica dell’intera cittadina e nodo cruciale dell’area dello stretto. Bevacqua ha inoltre risposto al sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà che ultimamente si era dichiarato sfavorevole allo spostamento del porto a Pentimele per i mezzi pesanti per tutelare la salute dei cittadini della zona “deve pensare anche alla salute dei cittadini Villesi e non solo dei cittadini di Reggio Calabria”. “Con questa nostra iniziativa – conclude Gaetano Bevacqua – abbiamo voluto lanciare un primo sassolino per far si che tutti prendano coscienza delle grandi potenzialità del nostro territorio, partendo da quello che può rappresentare la vera svolta per la rinascita di Villa come l’inestimabile patrimonio che è rappresentato dal rapporto fra la città e il mare e l’utilizzo delle aree demaniali che oggi purtroppo non sono sufficientemente valorizzate. Dai Diportisti villesi è stato lanciato un messaggio forte e chiaro, creiamo le condizioni affinché la città possa ritornare a vivere in simbiosi con il proprio mare”. L’intervento dell’architetto Liz Ciccarello, ha sottolineato la particolarità della costa Villese, tratto di mare unico e non paragonabile ad altre, per correnti e venti che la caratterizzano ed è per questo motivo che la stessa ha chiesto ai due consiglieri regionali la possibilità per Villa di ottenere la concessione in deroga (art. 5 del PIR) delle zone poste a ripascimento con l’ obiettivo di poter completare il piano spiaggia per Maggio 2018 in modo che i cittadini possano vivere serenamente il mare e le proprie passioni.
L’On. Arruzzolo, dal canto suo, in risposta agli interventi, ha sollecitato l’amministrazione comunale a prendersi le sue responsabilità e a rendersi conto che il cittadino va tutelato sotto tutti i punti di vista pertanto ha offerto piena disponibilità e sostegno a tale scopo. Ha concluso la serata l’on. Seby Romeo che ha sottolineato il bisogno di riflettere bene su quello che si può fare offrendosi di avviare i lavori di un tavolo tecnico con l’arch. Ciccarello, i portatori di interessi diffusi e tutti coloro che vogliono prenderne parte, al fine di elaborare al meglio un piano spiagge che sia concretamente realizzabile nel rispetto delle leggi.