Tasse: le “più strambe”

tasseTasse, la fantasia non manca. “La più strana? Quella sugli zerbini del comune di Bologna, ma c’è anche quella sulla raccolta dei funghi e ‘sulla morte’” dice all’Adnkronos il segretario generale di Confesercenti Nazionale Mauro Bussoni, facendo riferimento a quel prelievo, definito ‘macabro’ e regolato da ogni Comune. La tassa riguarda “i defunti e la conservazione cimiteriale”, compresa “l’imposta di bollo sul certificato ASL per la constatazione del decesso”. Balzelli sul caro estinto, ma anche “sul movimento”. “Forse non tutti sanno che anche il rilascio delle patenti per l’autorizzazione alla guida di veicoli è soggetta a tassa, oltre a quella sui voli aerei”. Non è esente neanche il turismo, tutti avranno pagato la “tassa di soggiorno”, andando in vacanza, ma anche “le ricevute sono tassate”. Come avrete notato, infatti, dice il segretario Bussoni, si applica una marca da bollo, “su quelle fiscali mediche, sanitarie e veterinarie”. La tassa sull’ombra fa capolino, poi, insieme a quella dei gradini. La prima si applica per “l’occupazione del soprasuolo occupato dalle tende parasole”, mentre la seconda “grava sui proprietari di case che hanno i gradini d’ingresso sulla pubblica via”. “L’ultima nascosta – sottolinea il segretario generale di Confesercenti Bussoni – è quella che riguarda i tabaccai”. “Di fatto alla fine dei 9 anni di concessione per vendere i prodotti di monopolio sono obbligati a frequentare un corso di aggiornamento, del costo medio di 400/500 euro, quando per l’esperienza che hanno i tabaccai potrebbero insegnare”. Per noi questa è soltanto, denuncia Bussoni, “è una tassa occulta che pesa su tutta la categoria”. (AdnKronos)