Sicilia: l’Irritec Costa d’Orlando ingaggia Iliano Sant’Ambrogio

L’Irritec Costa d’Orlando ingaggia Iliano Sant’Ambrogio

ILIANO-SANTAMBROGIOL’Irritec Costa d’Orlando del presidente Giuffrè allarga il proprio staff tecnico ingaggiando Iliano Sant’Ambrogio, nuovo allenatore del settore giovanile e assistente di coach Giuseppe Condello per la prima squadra. Da sempre la Costa d’Orlando ritiene il lavoro con i giovani la base portante dell’attività sportiva, per questo il club paladino ha deciso di investire ulteriormente su risorse umane e tecniche di livello, mirando ad una crescita ancora maggiore delle squadre giovanili. Classe 1988, reggino, coach Sant’Ambrogio vanta un’esperienza pluriennale sul parquet. Il nuovo tecnico biancorosso è stato assistant coach di Basket Olympic Club, Basket Rosarno e Vis Reggio Calabria in Serie C e capo allenatore di varie squadre giovanili, tra cui quelle di Fortitudo Bologna e Viola Reggio Calabria, oltre che delle compagini sopra citate. Ricevuta la chiamata della Costa d’Orlando, coach Sant’Ambrogio non ha avuto esitazioni nell’accettare questa nuova sfida. «Dopo aver discusso con coach Condello non ho avuto alcun dubbio nel dire sì alla Costa d’Orlando – confessa coach Sant’Ambrogio -. Provengo da una famiglia che ha fatto della pallacanestro la propria vita, trasudo basket da ogni poro. Mi sono avvicinato al parquet come giocatore poi, a 18 anni, un grave infortunio mi ha impedito di proseguire il mio percorso da atleta. Da quel momento mi sono dedicato alla carriera da allenatore, togliendomi delle belle soddisfazioni. Sono qui in primis per contribuire a gettare solide fondamenta per il futuro. I ragazzi del settore giovanile rappresentano il futuro di questa come di qualunque altra società. Il nostro obiettivo è tirare fuori il meglio da ciascuno di loro, renderli i giocatori e le persone migliori possibili. Avranno e taglieranno traguardi diversi, il nostro obiettivo dev’essere aiutarli e indirizzarli affinché li possano raggiungere. Il nostro compito, quello che il ruolo dell’allenatore delle giovanili prevede, è di essere una figura da prendere come riferimento dentro e fuori dal campo. Il mio obiettivo principale è quello di partecipare alla formazione di questi ragazzi, trasferendo loro la mia passione e le mie conoscenze, oltre che un pizzico di esperienza. Riuscirci sarebbe la mia più grande ricompensa. Formare questi ragazzi viene prima di ogni altra cosa, anche dei risultati. Sono davvero felice di collaborare con un tecnico preparato come Guido Vittorio e con un “santone” del basket qual è coach Peppe Condello. Entro in punta di piedi in un sistema già collaudato e con un gruppo di lavoro che da anni è insieme. L’accoglienza è stata super e non posso che ringraziare tutti per questo. A Capo d’Orlando, come a Reggio Calabria, si respira aria di basket, è il posto migliore da cui partire verso nuovi traguardi. Sono entusiasta di questa opportunità e farò il massimo per ripagare la fiducia che mi è stata concessa».