Serie C, “errore dell’arbitro”: il Cosenza preannuncia il reclamo al Giudice Sportivo

Cosenza-Fidelis Andria termina 1-1 ma subito dopo viene inoltrato il reclamo da parte Cosenza al Giudice Sportivo di Lega Pro

Cosenza - Fidelis AndriaLa gara tra Cosenza e Fidelis Andria termina con il risultato finale di 1-1 che non accontenta le due squadre ancora alla ricerca della prima vittoria stagionale. Il match molto equilibrato nella prima frazione di gioco, con poche occasioni da entrambe, si anima nella ripresa quando oltre le due reti regala agli spettatori presenti un episodio alquanto paradossale: il triplice fischio del direttore di gara che poi ritorna sui suoi passi per far riprendere la gara. Il reclamo del Cosenza  parte proprio da qui, un  errore tecnico  dell’arbitro Curti che ieri  aveva erroneamente fischiato la fine con circa 30 secondi di anticipo riprendendo il gioco pochi attimi dopo in assenza del portiere della compagine pugliese Maurantonio, andato negli spogliatoi credendo conclusa la gara. Questo il comunicato dove la  ”Società Cosenza Calcio informa di aver inoltrato al Giudice Sportivo di Lega Pro il preannuncio di reclamo per errore tecnico del direttore di gara, causato dal fischio anticipato della fine dell’incontro in questione e dalla ripresa del gioco in mancanza di un componente di una delle due squadre (il portiere Maurantonio) in campo.