Serie A, Crotone-Inter 0-2: la squadra di Spalletti beffa nel finale i calabresi [FOTO]

Serie A, è conclusa la prima gara della quarta giornata: Crotone-Inter 0-2, Spalletti sorride

LaPresse/Francesco Mazzitello

LaPresse/Francesco Mazzitello

L’uomo che non ti aspetti, ci pensa Skriniar a regalare tre punti preziosissimi all’Inter nel primo match della quarta giornata del campionato di Serie A, partita più difficile del previsto per la squadra di Luciano Spalletti che riesce a sbloccare la gara contro il Crotone a pochi minuti dal termine. L’Inter continua a volare in classifica dopo la quarta vittoria consecutiva ad adesso si candida per obiettivi importanti, deludenti gli attaccanti ma ci pensa l’ex Sampdoria a far esultare Luciano Spalletti. Pesante ko per il Crotone che aveva accarezzato il risultato positivo. Il padroni di casa si schierano con Cordaz; Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Martella; Rodhen, Barberis, Mandragora, Stoian, Tonev; Budimir mentre Luciano Spalletti risponde con Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, Miranda, Dalbert; Gagliardini, Borja Valero; Candreva, Joao Mario, Perisic; Icardi. L’inizio di gara è di marca ospite che provano a tenere il pallini del gioco, si affaccia anche il Crotone ma Handanovic è attento. Continua il botta e risposta con le difese che hanno la meglio sugli attacchi, ammonito Miranda dopo un intervento duro.

Nella ripresa il Crotone entra in campo con la giusta mentalità e va vicina al gol in più di una circostanza, Spalletti manda in campo Vecino al posto di Gagliardini che è sembrato in difficoltà. Al 68′ Handanovic salva il risultato, il portiere è davvero strepitoso su un colpo di testa di Rohden. Quando il match sembra indirizzato verso il pareggio il match si sblocca, l’uomo del match è quello che non ti aspetti, Skriniar che in mischia porta in vantaggio i nerazzurri. Nel finale sette minuti di recupero, a chiudere il match ci pensa Perisic che firma il definitivo 0-2. L’Inter vola in testa con 12 punti, il Crotone fermo ad 1.

LaPresse/Francesco Mazzitello
LaPresse/Francesco Mazzitello
LaPresse/Francesco Mazzitello
LaPresse/Francesco Mazzitello