Reggio Calabria, Rosanna Scopelliti: “delusione per lo spostamento della sede principale dell’Agenzia per i beni confiscati a Roma”

rosanna scopelliti“Ho letto l’appello che Avviso Pubblico, Arci, Libera, Legambiente e alcune sigle sindacali hanno rivolto ai deputati perché approvino senza modifiche il Codice Antimafia, che approda in Aula la prossima settimana. Da parlamentare, da membro della Commisisone Antimafia, da figlia di Magistrato che ha pagato con la propria vita l’attaccamento ai più alti valori di legalità e giustizia, non posso che raccogliere positivamente e fare mio questo accorato invito. Condivido, da reggina, la delusione dei miei concittadini per lo spostamento della sede principale dell’Agenzia per i beni confiscati a Roma, spostamento che lascia a Reggio la sede secondaria, benché unica. Non mi convincono fino in fondo le ragioni dello spostamento, che viene vissuto dalla mia città come l’ennesimo scippo. Si poteva trovare una soluzione diversa in Senato, e ho chiesto più volte ai colleghi di farlo, purtroppo senza esito. Il Codice è rimasto nei cassetti della Commissione Giustizia di Palazzo Madama per molti, troppi mesi, ma purtroppo tutto questo tempo è stato lasciato passare senza nemmeno provare a scongiurare lo spostamento. Più di un anno e mezzo è passato invano! Arrivati a questo punto, visti anche i tempi del passaggio precedente nell’altro ramo del Parlamento, non abbiamo alcuna certezza che, qualora fossero introdotte modifiche alla Camera, il Senato approverebbe il Codice prima della fine della Legislatura. Deve quindi prevalere in tutti noi il senso di responsabilità: il nuovo Codice Antimafia è uno strumento fondamentale per rafforzare il contrasto a tutte le mafie, aggiornando una legislazione che ha consentito alle Forze dell’Ordine e alla Magistratura di raggiungere risultati eccezionali, ma che in alcuni suoi aspetti andava potenziata e adeguata ai tempi. Mi auguro che tutti i colleghi sappiano guardare al di là della campagna elettorale imminente e riescano anch’essi a fare proprio l’auspicio della magistratura e delle realtà a diverso titolo in prima linea nel contrasto alla criminalità. Si approvi il Codice senza modifiche, andando oltre le logiche di schieramento e superando eventuali dubbi. Mi rivolgo in particolare alle forze politiche moderate, a cominciare da Forza Italia, perché non facciano mancare il loro voto finale al provvedimento, nonostante le comprensibili perplessità sull’estensione della normativa antimafia alla corruzione; perplessità avanzate peraltro anche dal Presidente della Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone. È importante dare al Paese un segnale di unità delle forze politiche nel contrasto alla criminalità organizzata”. E’ quanto scrive in una nota Rosanna Scopelliti, deputato di Alternativa Popolare.