Reggio Calabria, manifestazione dei cittadini a Piazza Italia: “diciamo no al Centro di Accoglienza in Via Cappuccinelli” [FOTO e INTERVISTA]

Questa mattina i residenti di Via Cappuccinelli si sono recati a Piazza Italia per consegnare al Sindaco e al Prefetto le firme della petizione popolare contro l’istituzione di un centro di accoglienza per gli immigrati

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

Nei mesi scorsi alcuni residenti di Via Cappuccinelli, a Reggio Calabria, avevano manifestato il proprio dissenso sulla possibilità di trasformare uno stabile, sito nella stessa via, in un Centro di accoglienza per immigrati. Dopo aver dato vita ad un comitato civico spontaneo e raccolto migliaia di firme, i cittadini si sono recati questa mattina a Piazza Italia con l’intento di incontrare il Sindaco ed il Prefetto e ricevere così delucidazioni in merito alla questione. “Dopo un periodo di fermo, il 15 agosto abbiamo notato la ripresa di movimenti nello stabile da parte della Cooperativa e siamo venuti a conoscenza della presentazione da parte della Prefettura di una nuova manifestazione d’interesse pubblicata sul Sito Istituzionale il giorno 14/08/2017. La cosa ci ha preoccupato tantissimo ed è per questo motivo che siamo oggi qui con l’intento di dar voce ai nostri pensieri in merito alla questione. A nostro avviso, lo stabile non consente un soggiorno adeguato agli ospiti che sarebbero costretti a passare molte ore della giornata in strada. Inoltre, le strade limitrofe sono strette ed inadeguate a sopportare un incremento di traffico anche a piedi. Ancora, la rete fognaria è incapace di poter rispondere ad un incremento della popolazione nella zona. Per questi motivi, vogliamo incontrare le massime istituzioni e consegnare al sindaco e al Prefetto le firme di migliaia di cittadini contrari all’istituzione di tale centro“, hanno dichiarato i membri del Comitato spontaneo di Via Cappuccinelli. Alcuni membri sono stati successivamente ricevuti sia dal Prefetto che dall’Amministrazione Comunale. 

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
Foto StrettoWeb / Simone Pizzi