Reggio Calabria, Falcomatà: “per il nuovo approdo per i tir con la Sicilia abbiamo individuato l’area di Bolano”

tir in codaIl nostro obiettivo, prima come amministrazione comunale, ora anche come citta’ metropolitana, e’ quello di liberare la citta’ dal traffico pesante dei tir. Questo vale per Reggio Calabria come per Villa San Giovanni. Allo stesso tempo siamo consapevoli del fatto che il traffico dei mezzi pesanti da qualche parte deve passare. Da qui nasce l’idea di individuare nella zona di Bolano (zona Nord della citta’, ndr) un nuovo approdo che possa coniugare le esigenze di tutti“. Lo dichiara alla Dire il sindaco metropolitano di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomata‘, in merito all’individuazione di un nuovo approdo per le navi commerciali provenienti dalla Sicilia per decongestionare il centro citta’ e l’attuale porto turistico dal transito dei tir. “Va restituita ai porti di Reggio e Messina la loro vocazione – ha aggiunto il sindaco - senza privarci di un traffico merci che porta anche un indotto economico. La battaglia che abbiamo fatto per il porto di Reggio (divieto nuovo attracco navi commerciali, ndr) sta continuando. Ai rilievi dello scorso anno si accompagnano quelli dell’Asp sui dati dell’inquinamento atmosferico che sono in linea con quanto pensiamo noi. Come istituzioni non possiamo dire solo no alla proposta della societa’ Caronte&Tourist, ma anche di offrire un’alternativa e riteniamo che Bolano, possa andare in questa direzione”. “In passato ci sono stati degli studi di fattibilita’ che indicavano la possibilita’ tecnica per poter realizzare questo tipo di intervento in quel territorio. Adesso – ha concluso Falcomata’ – occorrera’ dare seguito ad altri studi che ci dicano se si puo’ proseguire“.