Palmi (Rc): il sindaco Ranuccio sulle questioni relative alla sanità

medico-01Oggi 20 settembre il Sindaco ha ricevuto presso il Palazzo Municipale la vista del direttore Generale dell’ASP Dott. Brancati per un confronto sulle tematiche riguardanti la sanità. Già in occasione del consiglio del 14 settembre 2017, il Sindaco Ranuccio aveva personalmente risposto a un’interpellanza sullo stato di funzionamento del servizio di Radiologia a Palmi. Approfittando dell’occasione istituzionale aveva voluto chiarire alcuni passaggi sull’iter per la realizzazione dell’Ospedale della Piana in Palmi. Il primo cittadino aveva evidenziato come l’interesse per le due questioni vada nella direzione della responsabilità che il sindaco ha come autorità sanitaria locale, che si estende alla sicurezza sociale e alla tutela della salute dei cittadini, dichiarando che l’Amministrazione vuole mettere in campo tutte le iniziative possibili affinché si possa dare un contributo finalizzato alla positiva evoluzione della costruzione del nuovo ospedale a Palmi. Sui servizi sanitari di programma degli enti sovraordinati, il Comune si sente naturalmente chiamato, attraverso la propria azione politica e istituzionale a vigilare, porre istanze e difendere il diritto alla salute, alla cura e alla disponibilità di interventi specialistici più accessibili e fruibili a tutti. Per questo, il Sindaco Ranuccio esprime con convinzione che l’Ospedale della Piana si farà a Palmi secondo l’iter in corso, e che il futuro presidio sanitario, attraverso una gestione virtuosa dello stesso che lo renderà una struttura d’eccellenza, servirà il territorio comunale, metropolitano e anche nazionale. Pertanto lo stesso Sindaco, oltre l’incontro odierno con il Direttore Gen. Dott. Brancati, aveva già incontrato presso gli uffici regionali l’Ing. Domenico Pallaria, RUP per la costruzione dell’Ospedale, ricordando che a seguito della firma del nuovo cronoprogramma avvenuto a marzo 2017, l’attuale amministrazione vigilerà sulle date di novembre e dicembre 2017, che segnano la consegna del progetto definitivo e l’avvio dei movimenti di terra sul territorio palmese. Quindi entro la metà di gennaio 2018 con il rilascio dell’autorizzazione sismica sul progetto esecutivo, potrà essere dato l’avvio dei lavori sulle parti strutturali dell’edificio. In questo modo l’Amministrazione potrà direttamente farsi parte attiva e informare i cittadini e tutti gli interessati sull’iter reale e sulla propria azione di stretta vigilanza sulla questione, unitamente al dibattito che è in corso per gli altri presidi attivi della provincia, a ogni modo fondamentali, che vanno assolutamente salvaguardati. Inoltre sulla particolare situazione che ha interessato il servizio di radiologia del nosocomio di Palmi, temporaneamente inattivo per mancanza di personale, il Sindaco ha evidenziato come grazie all’interessamento di questa Amministrazione, che si è direttamente e personalmente interfacciata con tutti gli operatori del servizio, lo stesso può tornare in funzione garantendo alla cittadinanza la possibilità di fruire delle prestazioni che con le attrezzature presenti può tornare a erogare. Tale risultato, che comunque costituisce una piccola conquista, conseguita anche grazie alla disponibilità dei medici interessati, è il frutto e l’esempio dell’impegno costante che il sindaco profonde in campo sanitario. Sempre restando in tema di salute, relativamente ai servizi disponibili in autonomia locale, il Sindaco auspica, promettendo di mettere in campo tutti gli strumenti politici e amministrativi a sua disposizione, che anche la Casa della Salute di Palmi, superando la fase teorica, possa finalmente trovare una seria e concreta realizzazione. Purtroppo le questioni relative alla salute pubblica non si limitano agli aspetti finora trattati. Il Sindaco è appena venuto a conoscenza dell’ennesima incomprensibile limitazione, sul piano sanitario, ai danni della città di Palmi; infatti con dispositivo del 19 settembre 2017, l’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria ha disposto che, a partire dal primo ottobre, l’attività del Punto di Primo Intervento di Palmi sarà effettuata solo nelle ore diurne osservando l’orario 8:00-20:00 e ciò a causa dei limitati accessi annuali e alle relative tipologie di interventi. Tale provvedimento, insensato e nefasto, appare come l’ennesimo colpo inferto a una già estremamente carente offerta sanitaria. Come di recente fatto per il servizio di radiologia, Ranuccio si sta attivando per tutelare almeno questo piccolo presidio di salute, che diventa assolutamente necessario per offrire i primi interventi a chi ne avesse bisogno. In conclusione il Sindaco Giuseppe Ranuccio dichiara che la decisione di chiudere il PPI nelle ore notturne, proprio in ragione della gravissima situazione sanitaria in cui versa la nostra città, non è tollerabile e merita una forte presa di posizione, e l’Amministrazione è pronta a farsi promotrice di energiche azioni di protesta a tutela del diritto alla salute dei cittadini palmesi.