Niente più “paghetta” se il figlio non cerca lavoro

soldiStop alla ‘paghetta’ da mamma e papà se il figlio maggiorenne non cerca lavoro. Così ha stabilito la Corte di Cassazione che, con sentenza numero 22314/2017, ha accolto il ricorso di un padre contro la svogliata figlia 35enne, ottenendo la revoca del contributo al mantenimento della giovane donna, precedentemente disposto in favore dell’ex moglie.
L’indipendenza economica di un figlio non è più, quindi, la condizione essenziale affinché un genitore possa smettere di versare l’assegno di mantenimento: se riusciranno a dimostrare che il figlio maggiorenne e disoccupato – una volta terminati gli studi e se in salute e quindi privo di patologie che lo rendano inabile al lavoro – non si impegna al massimo nella ricerca di un impiego, padre e madre potranno tagliare i fondi avendo la legge dalla loro parte. Il genitore che deciderà di intraprendere questo percorso – ricorda la Corte Suprema – non potrà tuttavia decidere di sospendere il contributo a suo piacimento. Sarà infatti un giudice a dover valutare il caso e, provato il comportamento in difetto del figlio, autorizzare la sospensione della ‘paghetta’. (AdnKronos)