‘Ndrangheta, ecco la villa di lusso in cui viveva il super boss reggino Rocco Morabito in Uruguay [GALLERY]

‘Ndrangheta: catturato in Uruguay, dopo 23 anni di fuga, il boss della droga Rocco Morabito. L’arresto è stato effettuato dagli agenti della polizia locale in un hotel della capitale

LaPresse/DGCO e INTERPOL

LaPresse/DGCO e INTERPOL

E’ stato catturato in Uruguay, dopo 23 anni di fuga, il superlatitante Rocco Morabito, uno dei massimi esponenti della ‘ndrangheta calabrese. A darne notizia è stato il ministero degli Interni di Montevideo con un tweet. L’arresto è stato effettuato dagli agenti della polizia locale in un hotel della capitale. “Dopo sei mesi di intense attività d’informazione e intelligence è stato accertato” che Morabito aveva ottenuto “documenti uruguaiani presentando documenti brasiliani con il nome di ‘Francisco Capeletto‘”, precisa una nota del ministero degli Interni uruguaiano. In una perquisizione compiuta nella casa in cui viveva, sono state inoltre sequestrate dodici carte di credito, assegni, denaro in contanti, 150 foto con il volto del detenuto, oltre a 13 telefonini, armi e a una Mercedes. In manette anche la moglie, una donna di 54 anni angolana ma con passaporto portoghese. Nel provvedimento di cattura emesso dall’Interpol, scrive ancora il ministero degli Interni del uruguaiano, Morabito è accusato di aver fatto parte tra il 1988 e il 1994 di un’organizzazione criminale coinvolta in traffico internazionale di stupefacenti, nella quale organizzava il trasporto della droga in Italia e la distribuzione a Milano.

MINNITI – “L’azione dello Stato contro la criminalità organizzata ha conseguito un altro importante risultato con l’arresto avvenuto a Punta dell’Este, in Uruguay, di Rocco Morabito, ricercato dal 1994 in ambito internazionale e inserito nell’elenco dei latitanti più pericolosi, perché già condannato per associazione di tipo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti e altri gravi reati“. Il ministro dell’Interno, Marco Minniti, commenta così l’arresto del boss, complimentandosi in una nota con il Capo della Polizia, Franco Gabrielli, e il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette. ”L’arresto di Morabito – continua il ministro -, elemento di spicco dell’omonima cosca di Africo Nuovo e ritenuto il numero uno dei ricercati appartenenti alla n’drangheta, è il risultato dell’ottima attività di cooperazione investigativa internazionale tra la Polizia uruguaiana e il Dipartimento della Pubblica Sicurezza italiano, attraverso i rispettivi ufficiali di collegamento, che hanno consentito l’accertamento della vera identità del latitante, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Reggio Calabria “. (AdnKronos)

LaPresse/DGCO e INTERPOL
LaPresse/DGCO e INTERPOL
LaPresse/DGCO e INTERPOL
LaPresse/DGCO e INTERPOL