Nasce il Polo Digitale Calabria: Emilio De Rango nominato presidente

Nasce il Polo Digitale Calabria

polo digitale calabriaSi è svolta giorno 25 settembre l’assemblea dei soci fondatori della nuova associazione di categoria del settore ICT, Information and Communication Technology, della Regione Calabria  Denominata Polo Digitale Calabria. Tra i professionisti ed aziende del settore ICT sono stati nominati Emilio De Rango Presidente, Carmine Gallo Direttore Generale,  Alfredo Andrieri Segretario Generale quali soci fondatori del Polo Digitale Calabria. “ll Polo Digitale Calabria” spiega in una nota il Presidente Emilio De Rango ” nasce come significativo punto di riferimento per le aziende del settore ICT, tra gli scopi non soltanto quello di suggerire e condividere nuove strategie al fine di aiutare le aziende ad essere competitive ed innovative nell’era digitale , ma principalmente quello di rappresentare l’intero comparto presso enti ed istituzioni.  La missione principale del Polo Digitale Calabria” continua De Rango “è quello di riunire tutte le specializzazioni delle aziende nell’intento di competere in un mercato sempre più vasto e veloce, dove ogni singola impresa possa partecipare con le proprie competenze alla crescita esponenziale del settore ICT Calabrese. Si svolgerà tutto attraverso una piattaforma on-line” aggiunge il Presidente De Rango“ capace di interagire con gli associati attraverso un ventaglio di servizi on-line utili a snellire determinate procedure che renderebbero le aziende associate più visibili e più competitive. Fondamentali sono i profili professionali che ogni azienda costruirà on-line in base alle proprie specializzazioni, alle esperienze consolidate nel tempo che rapprendano punto di forza per chi dovrà investire in infrastrutture ICT.”

Sono queste Le linee guida che sono emerse dalle tante riunioni svolte da circa un anno tra i soci fondatori prima di arrivare alla costituzione del Polo Digitale Calabria, un impegno costante e continuativo che ha consentito  la nascita di una nuova associazione di categoria a tutela e a servizio delle tante imprese ICT Calabresi. “Abbiamo Ascoltato più  imprenditori e professionisti del settore ICT, nel corso di questo anno,” scrive in una nota il Direttore Generale Carmine Gallostiamo cercando di creare le condizioni favorevoli per il rilancio del settore, il Polo Digitale Calabria” continua il Direttore Gallo “dovrà essere il punto di incontro  e di snodo dove ogni azienda possa confrontarsi,  denunciare eventuali irregolarità  che si verificano presso enti pubblici e privati inerenti al settore informatico, e trasmettere le criticità di settore al fine migliorare  e rendere il comparto sempre più dinamico,  efficiente e regolamenteto.” “La nosta è una straordinaria terra piena di risorse professionali e aziendali, ma oggi come non mai, a causa dei significativi segnali della crisi,” scrive in una nota il Segretario Generale Alfredo Andrieri  “sta subendo una forte riduzione degli investimenti da parte dei clienti del settore ICT, che non avendo più risorse economiche a disposizione cercano di abbattere i costi riducendo o addirittura eliminando supporti ICT, quasi come se si trattasse di un qualcosa in più sul quale poter investire.

Alcuni pensano che l’ICT non rappresenti un fattore determinante e vincente, cosi come altre strategie  per  la crescita  delle proprie aziende, invece non è cosi tutti i sistemi aziendali” conclude il Segretario Generale Andrieri “devono essere supportati da infrastrutture  ICT  che reappresentano strumenti fondamentali per consentire il raggiungimento degli obiettivi.” Sono questi i traguardi che i vertici del Polo Digitale Calabria intendono perseguire. “Fondamentale e l’inserimento dei giovani informatici a vari livelli di specializzazione, ” conclude in ultima battuta il Presidente Emilio De Rango” che rappresentano la linfa del mondo digitale, anche perché sono nati nell’era digitale, e come tali dovranno essere i protagonisti principali di un’associazionismo che possa essere considerato come trambolino di lancio per l’ingresso nel mondo del lavoro. Stiamo lavorando anche sulla creazione di un laboratorio informatico che dovra ospitare nuove leve e formare nuove figure professionali attraverso le certificazioni informatiche, che  mettono in risalto specifiche competenze, un approccio nuovo ad un nuovo mondo ed un nuovo modo di concepire le nuove professioni dell’era digitale. ”