Messina mostra i suoi luoghi segreti: al via il secondo weekend de Le Vie dei Tesori [FOTO e INFO]

Dal Forte a forma di stella al santuario della Madonna delle Vittorie, al via  il secondo weekend alla scoperta dei segreti e delle meraviglie di Messina con Le vie dei Tesori

MESSINA - Duomo mosaico absideCentosettanta pezzi antichi di grande bellezza, con colori accesi e sfumature seducenti: brocche e vasi, soprattutto, che Cesare e Doris Zipelli hanno raccolto tra Italia e Spagna in tanti anni, e che sono il cuore del Museo delle Ceramiche nell’antiquarium dell’Università: è solo uno dei ventotto luoghi che anche questo weekend apriranno a Messina per Le Vie dei Tesori. Dopo il bellissimo successo dello scorso fine settimana- la manifestazione era al suo debutto, ma ha raccolto lo stesso 5 mila spettatori, con una punta alla Badiazza, il luogo più visitato in assoluto, con il Forte San Salvatore e il Sacrario di Cristo Re- si replica da domani (venerdì 22 settembre) a domenica. Il Museo delle Ceramiche è aperto sabato e domenica (10-17:40) ma già domani (10-17:30) si può visitare sia Forte Ogliastri, la fortezza a forma di stella voluta da Carlo V e progettata dal Ferramolino; che Palazzo Zanca, la sede del Municipio che scopre al pubblico il suo segreto, i resti di mura greche e le sculture delle due eroine del Vespro, Dina e Clarenza. E alla rivolta del Vespro è legato alla lonta anche il santuario della Madonna di Montalto, che fu il primo edificio di culto ricostruito dopo il terremoto del 1908: è infatti intitolato alla Madonna che venne in difesa dei messinesi assediati dai francesi, prendendo così il nome di Madonna delle Vittorie (sabato 10-14:40 e domenica 12-17:40). Ma è tutta Messina ad essere coinvolta in un unico storytelling  che riannoda fili, scopre giardini segreti, si affaccia sul mare e recupera la memoria di una città che, dopo il catastrofico terremoto del 1908, ha saputo ricostruire ne ricostruirsi.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Si va sulle tracce di Antonello: dalla chiesa di Sant’Elia dove il pittore firmò un gonfalone per la Confraternita dei Disciplinanti, alla chiesa di Santa Maria di Gesù Superiore, nella cui cripta, leggenda vuole che sia sepolto; fino al Museo Regionale che conserva due sue opere accanto a due tele del Caravaggio, e partecipa a Le Vie dei Tesori soltanto sabato, dalle 10 alle 17,30. Il festival, nato a Palermo 11 anni fa, per la prima volta ha superato i confini del capoluogo siciliano e abbracciato l’intera isola; sono infatti coinvolte anche questo weekend, un’ottantina di luoghi tra Agrigento, Siracusa e Caltanissetta. Che si aggiungono ai 110 di Palermo, visitabili nei cinque fine settimana di ottobre. La formula è sempre quella rodata del capoluogo, la stessa che l’anno scorso ha fatto accorrere 215 mila visitatori con una ricaduta economica sulla città di circa 2 milioni e mezzo di euro: creare una rete tra i siti noti o poco conosciuti o addirittura inediti, e “raccontarli” tramite visite guidate. Per ogni visita si paga 1 euro (acquistando on line i carnet da 5 o 10 luoghi) o 2 euro sul posto (acquistando i biglietti nei cinque HUB nella città: Museo provinciale del ‘900, chiesa della Santa Maria della Valle – Badiazza, Parco Horcynus Orca, Parco sociale di Forte Petrazza, Sacrario del Cristo Re e Torre Ottagona). Pronti quindi per partire alla riscoperta della città: per scoprire che esiste un ricovero, quello dei Cappellini, dove sotto i bombardamenti, si rifugiarono 800 persone per volta; che a Messina esistono centinaia di chiese, alcune delle quali – come Gesù e Maria del Buon Viaggio, San Tommaso il Vecchio o il Buon Pastore – aprono soltanto per la messa. E che possiede un giardino segreto, quello amato dal Kaiser Guglielmo II, che vide nascere l’amore tra il diplomatico tedesco Franz von Wantoch Rekowoski e la dolce Luisa Leila Sanderson. Le Vie dei Tesori – che a Messina e Siracusa arriva con il supporto dell’Assessorato regionale ai Beni Culturali – prevede anche le famose “passeggiate” a tema. L’associazione Aura propone due tour urbani “Sulle orme del mito”, sabato alle 9,30, partenza dalla Fontana del Nettuno; e “Sulle orme del sacro”, domenica, stesso orario, dalla Passeggiata a mare di fronte alla Prefettura. E c’è ancora tempo per sottoscrivere Le Vie dei Tesori Card, per sostenere il Festival e non perdersi nulla, visto che la carta sarà valida in tutte le città del circuito, realizzata in collaborazione con Trenitalia.

 

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato