Messina, evade dai domiciliari per festeggiare il compleanno con amici: arrestato 57enne [NOME e DETTAGLI]

Dopo una serrata attività di ricerca l’uomo, originario di Catania ma residente a Messina, è stato rintracciato a casa di alcuni amici. L’evaso, che si trovava davanti ad una tavola imbandita, aveva probabilmente deciso di festeggiare in compagnia il proprio compleanno

RITROVATO_CARMELO_01091960Nel tardo pomeriggio di venerdì 1 settembre 2017, durante un servizio di controllo del territorio, una pattuglia dei carabinieri della Stazione di Bordonaro ha tratto in arresto Carmelo Ritrovato, pluripregiudicato catanese classe 1960, sorpreso al di fuori della propria abitazione nonostante fosse sottoposto al regime della detenzione domiciliare. L’uomo era stato arrestato lo scorso giugno dai carabinieri in esecuzione di ordine di carcerazione, dovendo espiare la pena di anni 1 di reclusione per un furto aggravato commesso nel settembre 2013, quando era stato sorpreso in Viale San Martino intento, con un carrello per la spesa, a trafugare cavi elettrici prelevandoli dai tombini posti sul marciapiede. All’epoca, Ritrovato era stato immediatamente fermato e, a seguito di perquisizione, era stato trovato in possesso di 90 metri di cavi elettrici, una grossa tenaglia, un giravite, un coltello, uno scalpello ed una torcia. Da un accurato controllo della zona circostante, gli operanti avevano inoltre constatato che erano già stati danneggiati sei tombini, da cui erano stati tagliati i cavi elettrici.

Oggi, quando i militari della Stazione di Bordonaro non lo hanno trovato presso la propria abitazione, hanno dato avvio ad una serrata attività di ricerca fino a quando sono riusciti a rintracciarlo a casa di alcuni amici. L’evaso, che si trovava davanti ad una tavola imbandita, aveva probabilmente deciso di festeggiare il proprio compleanno, incurante della pena detentiva da scontare.

Carmelo Ritrovato è stato quindi tratto in arresto in flagranza di reato per “evasione” e, dopo le formalità di rito, è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo, che avrà luogo nella mattinata di sabato 2 settembre 2017.