La squadra di basket in carrozzina di Reggio Calabria ospiti per le celebrazioni del XX Settembre

Una rappresentanza della squadra, guidata dal presidente Stefano De Felice, ospite a Roma del Grande Oriente d’Italia in occasione delle tradizionali celebrazioni per il XX Settembre

Bic Reggio al Vascello“Un sogno che sembrava svanito oggi si avvera grazie al Grande Oriente d’Italia”. Schierati prima fila davanti al palco del Vascello, sede a Roma del Grande Oriente, i ragazzi del Bic Reggio, la squadra di basket in carrozzina di Reggio Calabria, ospiti per le celebrazioni del  XX Settembre, hanno i volti che esprimono gioia grande. “Ora tacca a noi e dobbiamo mettercela tutta”, dicono al Gran Maestro Stefano Bisi, che ha voluto conoscerli uno per uno. “Volevano mettervi fuori gioco, non ci sono riusciti. Siete voi un dono per noi”, ha detto. Il Gran Maestro incontra di nuovo la Bic Reggio dopo una sua visita a Reggio Calabria il 28 agosto scorso.

Primi nel Campionato Nazionale di serie B di Basket in Carrozzina 2016/2017- Girone D, questi straordinari giovani si erano qualificati alle Final Four per l’accesso alla massima serie, classificandosi come seconda squadra più forte tra le trenta del campionato. Un risultato che ha dovuto però fare i conti con  gravi difficoltà economiche, unico limite che la squadra da sola non poteva battere. Sfumata la possibilità di  preiscriversi al Campionato Italiano di Basket in carrozzina di serie A, quale squadra tra le candidate alla massima serie, sembrava allontanarsi sempre di più anche la concreta possibilità di partecipare al Campionato Nazionale di serie B di Basket in Carrozzina 2017/2018. Ma nel momento in cui la partita era ormai data per persa, ecco che il Grande Oriente d’Italia ha fatto ingresso in campo, accordando  un importante sostegno economico alla A.S.D. R.C. Basket in carrozzina.

“Grazie davvero di cuore”, ha ripetuto il presidente Stefano De Felice, chiamato sul palco dal giornalista Angelo Di Rosa. “Questi ragazzi – ha detto -  sono la prova che con la volontà si possono superare tutti gli ostacoli e  rappresentano l’essenza del sacrificio, dell’agonismo, ma anche dell’integrazione e dell’inclusione”.  La società ha attivato infatti numerosi progetti sociali anche con le scuole ai quali questi giovani partecipano, che hanno l’obiettivo di  motivare chi ha problemi fisici e motori.

Presente all’incontro di Roma, anche il vicepresidente Massimiliano Guilasi, il coach Antonio Gugliandro, il capitano Ilaria D’Anna,  e i giocatori, tra cui Francesco Comandè, e Valerio Dell’Osso, Pietro Petruzza, Marcantonio Polimeni, Demetrio Megalizzi, Pierfrancesco Freno, Dame Mbow e Sow Daouda.

“Per i nostri ragazzi – ha concluso il coach – il sogno continua più forte e bello di prima. Non esistono cadute dalle quali non ci si possa rialzare. Questo non è solo un motto ma una filosofia di vita”.