Il Dalai Lama a Messina: “Auspico ad un’unione mondiale fondata sulla pace e l’uguaglianza” [FOTO e VIDEO]

Sua Santità il Dalai Lama riceve il premio “Costruttori di Pace” a Messina: promozione della felicità e armonia tra religioni al centro dell’incontro di oggi. Le FOTO e il VIDEO dell’incontro Teatro Vittorio Emanuele

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

Si è concluso con un quarto d’ora d’anticipo l’incontro di oggi con il Dalai Lama al Teatro Vittorio Emanuele di Messina. Accolto da tra gli applausi della folla, Sua Santità ha subito iniziato la sua lezione soffermandosi  sui temi della promozione della felicità e l’impegno per l’armonia tra religioni. “La promozione della felicità passa attraverso i valori interiori, valori che non necessariamente appartengono alla fede”- ha detto il XIV Dalai Lama dopo aver ricevuto dal sindaco il premio “Costruttori di Pace”. “Tutte le religioni – ha continuato Sua Santità - portano avanti questi valori dell’amore e della compassione. Noi dovremmo utilizzare la nostra intelligenza per espandere l’amore universale includendo tutta l’umanità anche i nemici”. ” Oggi purtroppo in nome delle religione accadano cose gravissime come stragi, omicidi e conflitti e questo non deve succedere. Apprezzo moltissimo che il vescovo di Messina sia qui con noi per rappresentare questo dialogo tra le religioni“. Anche durante l’incontro di oggi,  Tenzin Gyasto ha risposto alle domande degli spettatori: “Auspico ad un’ unione mondiale fondata sulla pace e l’uguaglianza”, ha detto  in risposta alla domanda di uno spettatore sulle bandiere nel mondo. “Ammiro l’esempio dell’Unione Europea, sarebbe opportuno che in nome dell’uguaglianza l’Europa aprisse ad est, verso la Russia. Sarebbe bello se tutto il mondo si unisse per evitare guerre”. Al centro del dibattito anche argomenti come la violenza e la rabbia: “Sarebbe opportuno che sin dai primi anni di scuola si insegnasse ai bambini a prendersi cura dello spirito, la cultura materialista - ha proseguito-  è quella di cui oggi gli uomini si nutrono. Abbiamo bisogno di concentrarci sui valori umani”. 

 

 

 

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
Foto StrettoWeb / Simone Pizzi