Gioiosa Jonica: Francesco Nirta presenta il suo ultimo libro dal titolo “Un prete”

Sabato a Gioiosa Jonica la presentazione di “Un prete”, l’ultimo libro dell’avvocato Francesco Nirta

prete2Francesco Nirta al proscenio sabato 16 settembre ore 18,30, nell’accogliente palazzo della cultura di Gioiosa Jonica situato nel centro storico del paese in Largo dei Cinque Martiri, per la presentazione della sua ultimo libro “Un Prete” edito da Rubbettino. La prestigiosa location del Palazzo “Amaduri” che grazie all’assidua attività culturale del Club per l’Unesco propone settimanalmente le più importanti rassegne letterarie italiane del momento, accoglie l’effervescente Avvocato Francesco Nirta noto civilista della locride e non solo con le previsioni di successo che merita essendo un attento e meticoloso osservatore delle vicende della vita che di tanto in tanto le riporta (come in questo caso) nei testi che lui sapientemente e magistralmente scrive. Ad arricchire l’evento e a dialogare con l’Autore durante la presentazione di questo importante romanzo è stata coinvolta la brava Prof.ssa Palma Comandè che di recente è stata ospite nello stesso luogo in cui sarà presentato il libro di Nirta per rendere partecipi i suoi lettori della pubblicazione di un testo molto importante, scritto da Lei (per Pellegrini Editore) e dedicato alla vita “privata” dello zio, il grande Saverio Strati, il più importante scrittore del ‘900. Francesco Ettore Nirta è nato a San Luca e vive a Bianco. Ha trascorso gli anni giovanili ad Amalfi, dove ha compiuto i primi studi, e a Napoli, dove si è laureato in giurisprudenza. Affermato Avvocato civilista, magistrato onorario e scrittore ha pubblicato il romanzo “Un giudice in prima persona” (2008) e il volume di racconti “Vicende di gente d’onore” (2012). L’Autore, affronta nel suo ultimo lavoro la rassegnazione di un uomo oramai novantenne “obbligato” dalla famiglia all’ordinazione sacerdotale imposta da ascendenze familiari. Un prete, per nulla stanco, anzi contento di barcamenarsi tra i vivi, ricapitola il suo inglorioso passato: il ministero esercitato da burocrate senza entusiasmo e senza depressioni; l’attaccamento ai principi tradizionali; il sesso consumato con donna d’altri. E, sullo sfondo, i mutamenti sociali, le emigrazioni, le alluvioni e i loro riflessi sulla vita di una piccola comunità tra le due guerre. Intimo come una confessione, involontariamente comico, minuzioso come un registro parrocchiale, Un prete riporta l’ordinaria avventura di una coscienza che nella vita ha cercato, senza affanni, di assecondare il proprio destino. L’abilità dell’Autore sta nello scrivere cose che tutti immaginano nella vita sacerdotale di un uomo ma che nessuno ha il coraggio di esternare… sicuramente in questo romanzo, ricco di fantasia troveremo taciute verità.