Dottoressa violentata a Catania, direttore Asp: “saremo parte civile”

stupro“Un atto ignobile, offensivo della dignita’ della persona, perpetrato ai danni di un medico, una collega, nell’atto di compiere il proprio dovere di aiutare i cittadini. Esprimiamo la nostra vicinanza e la nostra solidarieta’ alla collega e alla famiglia. Le assicuriamo, da ora e in tutte le sedi, il nostro sostegno e la nostra attenzione”. Lo afferma, commentando in una nota quanto accaduto la notte scorsa nel Catanese, dove un 26 enne ha violentato una Dottoressa in servizio nella Guardia Medica, il direttore generale dell’Asp di Catania Giuseppe Giammanco, rendendo noto inoltre di aver gia’ “dato mandato al nostro legale per la costituzione di parte civile a tutela dell’Azienda e, soprattutto, dei lavoratori”. “Il responsabile – continua Giammanco – e’ stato arrestato dai Carabinieri intervenuti su segnalazione dei cittadini. Le misure di sicurezza attive non lo hanno fatto desistere dal perseguire il suo scopo delittuoso. Siamo sicuri che la risposta della giustizia sara’ rapida, severa ed esemplare”. “Rivolgo un pensiero grato sia ai cittadini – conclude Giammanco – per il senso civico e il senso del dovere che hanno manifestato sia ai carabinieri”.