Direzione marittima di Reggio Calabria: campo giovani 2017

il direttore marittimo con i ragazzi del campo giovaniAnche quest’anno, la Direzione marittima di Reggio Calabria, ha ospitato gli studenti del “Campo Giovani”, iniziativa del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, sotto l’egida della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ha l’obiettivo di permettere agli studenti partecipanti, tutti ragazzi meritevoli degli istituti scolastici superiori, di conoscere i compiti istituzionali del Corpo e di avvicinarli alle principali attività della Guardia Costiera e in particolare alla salvaguardia della vita umana in mare, alla protezione dell’ambiente marino e della fauna ittica oltre che alla conoscenza delle regole fondamentali per una navigazione sicura. La Direzione marittima, ha ospitato, nel corso di quattro settimane, quindici ragazzi provenienti da varie città d’Italia. I ragazzi sono stati ospitati nella caserma, divisi in gruppi di quattro per settimana. Ogni giorno, gli studenti hanno preso parte alle attività istituzionali e vissuto in prima persona esperienze significative, come salire a bordo delle motovedette della Guardia Costiera, impegnate in attività di vigilanza della costa, controllo della pesca, tutela dell’ambiente e soccorso. Conoscere in prima persona questi aspetti, vivendoli a bordo dei mezzi nautici, è stata una circostanza che ha particolarmente interessato i ragazzi partecipanti al campo reggino. L’esperienza all’interno della Direzione marittima è stata arricchita con visite presso altri comandi , e in particolare presso la Capitaneria e il porto commerciale di Gioia Tauro, e l’Ufficio Circondariale Marittimo di Roccella Jonica, che hanno compreso anche attività a bordo delle unità navali. La tematica della tutela dell’ambiente marino è stata ulteriormente approfondita in collaborazione con il Dipartimento provinciale di Reggio Calabria dell’Arpacal, presso la cui sede i ragazzi hanno potuto visitare i laboratori dipartimentali (chimico, bionaturalistico e fisico) dove sono state descritte le procedure operative, le metodiche analitiche e le attrezzature, utilizzate per le attività istituzionali dell’Agenzia. Non sono mancate altre attività istruttive per meglio conoscere il territorio reggino e le sue risorse locali grazie alle visite del Museo Nazionale di Reggio Calabria e del borgo di Scilla con il suo castello sul mare. Al termine delle settimane d’istruzione, tutti i partecipanti hanno apprezzato l’esperienza formativa e la possibilità di vivere dall’interno e conoscere nella quotidianità il Corpo delle Capitanerie di porto Guardia Costiera.