Collegamenti Eolie, i consiglieri di Salina: “Si estenda il servizio Blocca posti anche per i residenti dell’Isola”

I consiglieri Giuffré, Romagnoli e Capasso  propongono al sindaco di richiedere a Liberty Lines l’estensione del  servizio “Blocca posti” anche agli scali di Salina 

porto Santa Marina SalinaE’ di solo pochi giorni fa la notizia dell’attivazione, da parte della società di navigazione Liberty Lines, del servizio “Blocca posti” per i collegamenti tramite mezzo veloce con Milazzo da e per gli scali di Panarea, Stromboli, Filicudi ed Alicudi. In pratica, ai viaggiatori residenti provenienti o diretti verso uno degli scali sopraindicati, è garantita la riserva di 10 posti per scalo fino a 30 minuti prima di ciascuna partenza. La gestione del servizio è affidata alle biglietterie di scalo. “Si tratta di una interessante ed utile iniziativa – sottolineano Domenico Giuffrè, Mariagiulia Romagnolo e Giuseppe Capasso, Consiglieri di Minoranza al Comune di Santa Marina Salinache tiene conto delle esigenze dei viaggiatori residenti i quali, specie in periodi di grande movimento, rischiano di essere penalizzati nello svolgimento delle proprie attività quotidiane. Si apprende da notizie di stampa che la compagnia di navigazione ha deciso di attivare tale servizio in accordo ed in totale sinergia con il Comune di Lipari ed in stretta collaborazione con l’Amministrazione Comunale. Rispettando e comprendendo le esigenze delle isole più piccole dell’arcipelago, fortemente penalizzate in tema di trasporti specie durante la stagione invernale – continuano i Consiglieri di minoranza - non può però non sottolinearsi come il medesimo servizio potrebbe e dovrebbe essere attivato anche a tutela dei residenti sull’isola di Salina. Ancora ieri, lunedì 25 settembre, stando a segnalazioni giunte ai sottoscritti, alcuni passeggeri residenti a Salina non hanno trovato posto sull’aliscafo delle 8.55 in partenza per Milazzo. Il mezzo veloce, stando alle segnalazioni raccolte, avrebbe compiuto la tratta Salina- Lipari semi vuoto per poi riempirsi nel principale scalo eoliano. La circostanza, sicuramente eccezionale visto il periodo, ha però messo a nudo un potenziale problema. Gli aliscafi del primo mattino sono infatti, ad esempio, gli unici a poter garantire ai residenti che hanno esigenza di recarsi sulla terraferma di sbrigare i propri impegni durante l’orario in cui i principali uffici pubblici e privati sono aperti.  In una nota trasmessa nella serata di ieri al Sindaco di Santa Marina Salina Domenico Arabia – concludono Giuffrè, Romagnolo e Capasso – abbiamo proposto all’Amministrazione di richiedere ufficialmente alla compagnia di navigazione di estendere l’efficacia del servizio “Blocca posti” anche agli scali di Salina, per garantire ai residenti una possibilità in più di spostarsi senza troppi intoppi. Abbiamo inoltre richiesto all’Amministrazione di valutare la possibilità di intervenire con una proposta omogenea, proveniente possibilmente dal territorio di Salina nel suo complesso e da inoltrare a chi di competenza, sugli orari in vigore e sulle tratte. Anche lì, dal nostro punto di vista, è possibile intervenire con proposte migliorative che rendano gli orari attualmente vigenti e le tratte previste un po’ più funzionali, soprattutto alle esigenze dei cittadini residenti. Nella nota trasmessa al Sindaco si è, ad esempio, rilanciata la proposta di lavorare affinchè la nave pomeridiana che attualmente parte da Milazzo alla volta di Lipari possa arrivare invece fino a Santa Marina Salina: si garantirebbe così ai cittadini dell’intera isola di Salina un servizio utilissimo, specie nei mesi invernali ed in presenza di condizioni meteo-marine non del tutto favorevoli ”.