Co.Re.Com. Calabria: Pino Rotta delegato per i rapporti con gli Enti Territoriali

Pino Rotta Presidente del Co.Re.Com. Calabria delegato per i rapporti con gli Enti Territoriali e a supporto dell’attività di relazione con la Conferenza delle Assemblee Legislative

ROTTA e CARDANI AgComSi è riunito a Roma il 14 settembre il Coordinamento Nazionale dei Co.Re.Com. d’Italia. I lavori introdotti dai saluti e comunicazioni istituzionali del Presidente dell’Autorità per le Comunicazioni, Marcello Cardani, accompagnato dalla dott.ssa Ivana Nasti, Direttore di Agcom e dall’intervento della Senatrice On. Elena Ferrara, prima firmataria della legge sul cyberbullismo, sono seguiti con la votazione per l’attribuzione delle deleghe esecutive su proposta del Presidente Filippo Lucci. A seguito del rinnovo del Coordinamento Nazionale dei Comitati Regionali per le Comunicazioni, di cui fa parte il Presidente del Co.Re.Com. Calabria Pino Rotta e dell’elezione del nuovo Coordinatore nazionale, Filippo Lucci, il Coordinamento Nazionale, ha assegnato, la delega per i rapporti con gli Enti Territoriali e supporto alla Presidenza per l’attività di relazione con la Conferenza delle Assemblee Legislative al dott. Pino Rotta, Presidente del Co.Re.Com. Calabria. Rotta: “La presenza della Calabria al vertice del Coordinamento nazionale dei Co.Re.Com. è una riaffermazione della qualità del lavoro svolto dall’intero Comitato calabrese che ha potuto dimostrare, a poco più di un anno dal suo insediamento, una volontà e una capacità di risposta ai bisogno dei cittadini calabresi e di relazione e collaborazione assidua e coesa con gli altri Co.Re.Com. d’Italia .”Il Presidente Pino Rotta, ringraziando il Coordinatore nazionale Filippo Lucci ed i colleghi delle altre Regioni, ha assicurato l’impegno per il proseguimento del lavoro svolto in questi ultimi dodici mesi anche in vista del rinnovo e l’arricchimento dell’Accordo Quadro tra AgCom e i Consigli Regionali per le materie già di competenza dei Co.Re.Com. e quelle che si andranno ad aggiungere. Le nuove sfide sono contenute nel programma proposto dal neo Coordinatore nazionale all’atto del suo insediamento. Il Presidente Lucci ha tracciato i nuovi obiettivi: ”Intraprendere nuove forme di collaborazione che favoriscano prospettive di crescita del sistema dei Comitati Regionali per le Comunicazioni, anche attraverso la tessitura di rapporti con Istituzioni, come l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, il Ministero dell’Istruzione, gli Enti Territoriali, gli Uffici Scolastici Regionali, la Polizia Postale, la RAI e il MIUR. In tal senso il Coordinamento dovrà avviare un’efficace azione di moral suasion e di pubbliche relazioni che non può prescindere dalla collaborazione con la Conferenza dei Presidenti delle Assemblee Legislative delle Regioni e delle Province autonome con la quale raccordarsi per costruire strategie condivise. Un particolare approfondimento potrà essere dedicato al profilo europeo delle Autority e alla possibilità di acquisire conoscenze e nuove risorse dall’Unione Europea. La continuazione dell’esperienza, ormai consolidata nella Tutela dei Minori attraverso una ancora più intensa attività nei campi del Cyberbullismo, web reputation e media education, anche in considerazione della recente legge n. 71/2017 recante le “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo“.