Cetacei e tartarughe marine nello Stretto di Messina: aperte le iscrizioni ai corsi di ricerca [INFO UTILI]

Aperte le iscrizioni ai corsi su cetacei e tartarughe marine 2017-2018 organizzati dalla società di ricerca Necton nell’area dello Stretto di Messina

tartarughe-marineNecton Marine Research Society, continua anche d’inverno l’attività di ricerca ed a partire da settembre 2017 offre a tutti la possibilità di partecipare alle attività di studio di quelli che sono gli unici programmi di ricerca a lungo termine sui cetacei e sulle tartarughe marine nelle acque dello Stretto di Messina. La base logistica del progetto è situata a Ganzirri, caratteristico borgo marinaro situato lungo la costa Nord dello Stretto di Messina a circa 10 km dal caos cittadino. Le iscrizioni alle attività di ricerca sono aperte dal 20 settembre 2017. Lo Studio dei Cetacei dello Stretto ed il Mediterranean Sea Turtle Project sono gli unici programmi di ricerca a lungo termine su queste specie nell’area dello Stretto di Messina ed hanno lo scopo di conoscere nel miglior modo possibile le abitudini che legano i cetacei e le tartarughe marine allo Stretto di Messina, il più importante gate migratorio di tutto il Mar Mediterraneo, da sempre definito il “Paradiso degli zoologi”, caratterizzato da peculiari correnti di marea che lo hanno reso celebre nel mondo. Il monitoraggio viene effettuato in un’area molto ampia impegnando risorse umane e non solo, per esaminare al meglio un habitat di fondamentale importanza per capodogli, balenottere comuni, delfini comuni, stenelle striate, globicefali, grampi, tursiopi e per la tartaruga Caretta caretta. Le motivazioni del progetto: L’esigenza di comprendere le dinamiche che legano i cetacei all’ambiente dello Stretto di Messina, il loro stato di salute, il comportamento e le aree di maggiore concentrazione in queste acque, unita all’esperienza pluriennale nel campo della ricerca applicata al mare e all’attività diretta svolta dalla Necton Marine Research Society sono le linee ispiratrici di un programma di ricerca che scaturisce anche dal desiderio di dare l’occasione a chi ha un interesse ed una passione per i mammiferi marini e per le tartarughe marine, di studiarli direttamente nel loro ambiente naturale. Dal 2000, anno di nascita di questo studio ad oggi, il progetto è stato ulteriormente potenziato e da quest’anno è supportato da enti pubblici come il Dipartimento di Scienze chimiche, Biologiche, Farmaceutiche ed Ambientali dell’Università di Messina, della Città Metropolitana di Messina e da Agci Agrital che forniscono supporto scientifico e logistico, e da aziende private come Man, Nautica Femminò, Master Gommoni e D’Art, ciascuna delle quali a vario titolo coopera alla buona riuscita del progetto.