Calabria, Romeo: “la Regione era una macchina ferma e arrugginita noi l’abbiamo rimessa in carreggiata”

Cantiere Calabria, Sebi Romeo: “la Calabria era una macchina ferma e arrugginita, l’abbiamo rimessa in carreggiata”

sebi romeoUn programma ed una visione, questo è quanto i seminari di Cantiere Calabria hanno presentato nei tre giorni appena conclusi. Un programma ed una visione che non nascono certo oggi, a due anni e mezzo circa dalla elezione di questa assemblea regionale, ma sono il frutto dei costanti incontri che, fin dalle primarie, il presidente Mario Oliverio ha avuto e continua ad avere con i calabresi, le forze sociali, sindacali e produttive, l’associazionismo, il mondo accademico. “Ci siamo messi al volante di una macchina ferma ed arrugginita, con l’obiettivo di rimetterla in moto e percorrere la strada del cambiamento. Pensavamo bastasse allacciare le cinture, girare la chiave e imboccare la strada della trasparenza, della condivisione e della tutela dei diritti, attraverso una guida sicura e competente, invece ci siamo ritrovati a dover mettere mano al motore, a dover cambiare le ruote, ripulire ed aprire i vetri che non permettevano alla gente di guardare dentro, abbiamo addirittura sostituito la carrozzeria ed i freni ormai diventati logori, quasi inesistenti, anche il serbatoio era completamente vuoto ed il carburante a disposizione incompatibile con le richieste dei territori. Se avessimo ripreso da quel che abbiamo trovato, avremmo corso il concreto rischio di ingolfare inesorabilmente il futuro di ogni calabrese. Studiare le criticità, individuare le priorità d’intervento, mettere da parte le risorse e procedere con il lavoro era l’unica possibile scelta per permettere a quella macchina di ripartire in maniera definitiva e di percorrere una lunga strada. Questo abbiamo fatto in questi due anni e mezzo. Adesso abbiamo davanti una sfida, quella di una seconda fase fatta di monitoraggio e completamento dei lavori e, quindi, della spesa delle risorse. Sarà la fase della prosecuzione di un percorso concreto di cambiamento, un cambiamento netto e radicale che esporremo in ogni comprensorio di questa regione, affinché tutti possano unirsi a questo cammino comune.
Una visione che contiene chiare indicazioni: innanzitutto la certezza che la burocrazia, i poteri criminali, la massoneria non metteranno le mani su uno solo degli euro destinati ai calabresi e poi la garanzia che la concreta presenza del Governo centrale, mai cosi massiccia in Calabria da quando esiste il regionalismo, rappresenta un serio impegno nel merito dei problemi di competenza dello Stato centrale. Rattrista qualche reazione scomposta e nervosa, al di fuori del Consiglio regionale, tipica di alcuni ceti politici abituati a contrattazioni personali, e non a sfide per il bene comune, che mal digeriscono questa diversa concezione della politica e delle istituzioni. Siamo certi che se ne faranno una ragione perché nessuno ha intenzione di fare marcia indietro! Certamente siamo aperti ad ogni contributo, anche costruttivamente critico, che anzi sollecitiamo, ma siamo indisponibili e sordi alle contrattazioni ed ai particolarismi che hanno caratterizzato la storia della Calabria, fino a soffocarla e consegnarcela nelle peggiori condizioni. Questa regione sta cambiando e migliorando, il suo nuovo volto è stato tracciato in questi giorni, in occasione di Cantiere Calabria, ed ha i tratti della trasparenza, della legalità, della speranza e della competenza. Noi la vogliamo così.