Calabria, Pci: “A Ciambra” è un film ma anche un luogo reale di dolore e disperazione”

Il Pci risponde a Mario Oliverio: “A Ciambra” non è solo un film ma anche un luogo reale di dolore e disperazione

premio oscarIl film “A Ciambra” ambientato in una comunità Rom a Gioia Tauro è stato selezionato tra i film che potrebbero rappresentare l’Italia per il Premio Oscar. Il Pci ha voluto rispondere al Presidente della Regione, Mario Oliverio, circa le sue dichiarazioni in merito. “Il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio non finisce mai di stupire. Oggi risulta sbalorditiva la sua dichiarazione  riguardante la  scelta del film “A Ciambra” di Jonas Ash Carpignano a rappresentare il cinema italiano alla selezione dell’OSCAR 2018 per il miglior film straniero. E’ una dichiarazione che risulta  fuori dal mondo e  che ha non ha alcun titolo per poterla fare anche perché appare assai di cattivo gusto il tentativo maldestro di mettere il cappello sull’opera straordinaria e di indiscutibile valore artistico del regista Carpignano. Il problema vero è che  per Oliverio “A Ciambra”  è un film  e nient’altro, mentre  la Ciambra  è purtroppo un luogo reale di dolore, di disperazione e di emarginazione sociale verso il quale il presidente Oliverio ha dimostrato sempre la sua più totale ed assoluta latitanza. A noi basterebbe che  Oliverio facesse una dichiarazione  in meno ed un intervento concreto in più a favore della comunità che vive in condizioni subumane alla Ciambra di Gioia Tauro. Dobbiamo dire che L’unico che  in questi anni si è impegnato con forza e determinazione sulla drammatica e allarmante situazione della Ciambra è stato il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria dott. Antonio Marziale. Dov’era il Presidente della Regione Oliverio quando il Garante  ha costretto lo Stato ad occuparsi di quei bambini per combattere  la dispersione scolastica che grazie a quell’intervento oggi si è praticamente quasi azzerata?” . Ha scritto in una nota Michelangelo Tripodi. 

Dov’era il Presidente della Regione Oliverio quando il garante ha invitato sul posto tutte  le autorità, compreso il Presidente della Regione che  è risultato sistematicamente assente ? Dov’era il Presidente della Regione Oliverio quando il Garante  e il prefetto di Reggio Calabria erano lì alla Ciambra con i piedi nel fango per cercare  di  affrontare la situazione di emergenza e di avviare un progetto di intervento e di risanamento (fogne, strade, illuminazione, ecc.), che oggi risulta in fase di attuazione ? Siamo molto contenti e soddisfatti per il grande risultato conseguito da Jonas Carpignano e  dal suo film “A CIAMBRA”  e non  vogliamo assolutamente sminuire il grande valore dell’opera cinematografica, ma riteniamo che Oliverio non ha  il diritto di parlare della Ciambra come se fosse solo un film, mentre si è totalmente dimenticato dei bambini della Ciambra e non ha mai fatto niente per loro, cosa che invece rientrava nei suoi obblighi e compiti istituzionali che ha permanentemente disatteso, risultando sempre assente e latitante” conclude.