Calabria, Bova: “soddisfatto per l’approvazione del nuovo Codice Antimafia”

Il Presidente Arturo Bova si dice soddisfatto per l’approvazione del nuovo Codice Antimafia

arturo bova 1Il presidente della Commissione regionale antindrangheta, Arturo Bova, in una dichiarazione, esprime “soddisfazione per l’approvazione della Camera dei Deputati in via definitiva del nuovo Codice antimafia, una delle più belle pagine di antimafia vera scritte nella storia del Parlamento italiano. Importantissime novità – dice Bova – vengono introdotte in materia di beni confiscati e sul loro riuso a fini sociali. Ma assume un valore illuminante l’estensione della normativa in materia di beni confiscati ai condannati per reati di mafia – sottolinea Arturo Bova – anche ai condannati per reati in materia di corruzione. Finalmente si fa sul serio. I beni accumulati con la corruzione saranno infatti confiscati e restituiti alla collettività ingiustamente defraudata. Il fenomeno della corruzione dilagante, considerato ormai l’altra faccia del fenomeno mafioso, finalmente viene contrastato con uno strumento particolarmente efficace. Oggi l’indimenticabile on. Pio La Torre sarebbe particolarmente felice. Possiamo dire con orgoglio che abbiamo la normativa più avanzata e che ha già raccolto l’ammirazione del mondo intero. Certo non potrà passare inosservata la circostanza che la legge sia stata approvata grazie ai voti di PD, MDP e SI e che abbiano votato contro Forza Italia e Movimento 5 Stelle, mentre la Lega Nord si è astenuta. La divaricazione netta del voto parlamentare - ha detto ancora Bova – conferma che sui grandi temi di fondo della società, la differenza tra centrodestra e centrosinistra c’è, eccome! Non si tratta di dispute ideologiche, come spesso viene affermato con superficialità,  ma di due modi diversi di affrontare un dato storico endemico della società italiana, come la corruzione, il cui costo non mina soltanto le finanze dello Stato, ma incide ormai in maniera preponderante sulle coscienze e sulla qualità della vita di milioni di cittadini e migliaia di imprese senza santi in paradiso o con alle spalle boss mafiosi, e destabilizza la coesione sociale del Paese”.