Calabria, Bevacqua: “incardinata in quarta Commissione “Ambiente” la proposta di legge sugli incendi boschivi”

In Calabria è stata incardinata in quarta Commissione “Ambiente” la proposta di legge sugli incendi boschivi

IncendioIn apertura dei lavori odierni della quarta Commissione “Assetto e utilizzazione del territorio – protezione dell’Ambiente”, il presidente Domenico Bevacqua, “recependo le osservazioni del consigliere Tallini, ha chiesto la presenza in Aula del Direttore generale del Consiglio dott. Priolo, al fine di avere un parere formale in merito a quanto sostenuto dal collega. Sulla base di quanto dichiarato ufficialmente dal Direttore generale – ha spiegato Bevacqua – ho dato avvio ai lavori dell’organismo, introducendo i vari punti all’ordine del giorno”. Dopo aver discusso un provvedimento amministrativo della Giunta regionale inerente “Integrazione criteri localizzativi Piano regionale Gestione rifiuti”, l’organismo consiliare ha audito il sindaco di Bisignano Francesco Lo Giudice, accompagnato da una delegazione, sulle criticità in cui versa il sistema della depurazione nello stesso Comune. A margine dell’audizione, il presidente Bevacqua ha manifestato “vicinanza e supporto rispetto ai problemi  evidenziati dal sindaco”. Sono state quindi incardinate alcune proposte di legge tra cui il progetto di legge a firma dello stesso presidente della quarta Commissione sugli incendi boschivi. “La finalità primaria del progetto normativo – ha affermato Bevacqua illustrando il testo – è, innanzi tutto di recepire in maniera organica la legge-quadro nazionale (L. 323/2000), colmando un vuoto legislativo che permane da 17 anni e prevedendo una serie di disposizioni ulteriori e cogenti.  Le devastazioni prodotte dagli incendi boschivi che nell’estate appena trascorsa hanno colpito indistintamente tutto il territorio calabrese, impongono a noi classe dirigente un’azione legislativa non più rinviabile – ha rilanciato -  al fine di pianificare al meglio la mitigazione del rischio e la lotta attiva al fenomeno. Il cardine attorno al quale ruota l’incisività del testo normativo è la prevenzione: bisogna ridurre anzitempo il rischio e gestirlo mediante una pianificazione adeguata. L’obiettivo che ci prefiggiamo di agevolare e raggiungere è quello di un modello organizzativo efficiente e regolarmente monitorato. Riguardo alle disposizioni più rilevanti contenute nel testo – ha proseguito Bevacqua – vengono stabiliti termini e procedure stringenti per il Piano AIB (Piano Antincendi Boschivi). Tra i punti rilevanti: maggiori vincoli per la predisposizione dei Piani A e B e sull’esame e valutazione a conclusione di ogni stagione estiva. Quanto alle prescrizioni dettate dalla normativa nazionale per i terreni colpiti da incendio, la Regione si produrrà in un’applicazione puntuale e costante, impedendo le azioni determinanti anche solo potenzialmente l’innesco di incendio e inasprendo i divieti. Altro punto qualificante – ha detto – è il coinvolgimento e la responsabilizzazione dei Comuni in merito alla redazione obbligatoria del catasto-incendi senza la quale saranno previste forme specifiche di penalità a valere sulla partecipazione a bandi e finanziamenti regionali per i Comuni che non ottemperano. Nel contempo – ha concluso il presidente Bevacqua -l’istituzione regionale intensificherà la propria azione per contrastare l’abbandono e la desertificazione antropica delle aree agricole e boscate, anche mediante corsi di carattere tecnico-pratico rivolti alla formazione di soggetti da impiegare nell’opera di previsione, prevenzione e lotta attiva agli incendi boschivi”. La seduta si è chiusa con l’avvio del confronto sul disegno di legge presentato dal consigliere Greco che, intervenendo in merito alla nuova legge sul servizio idrico integrato, prevede “alcune modifiche al meccanismo di voto e alla divisione in fasce per l’individuazione dei Comuni componenti l’assemblea dell’AIC”.