Automobilismo, conclusa la “Monte Erice”: terz’ultima tappa del Campionato di velocità in montagna [FOTO e DETTAGLI]

In Sicilia si è conclusa la terz’ultima tappa della massima serie tricolore la “Monte Erice” giunta alla 59esima edizione, bene la New Generation Racing di Catanzaro

mercuriVenerdi con le verifiche tecniche-sportive, sabato le prove in due salite così  come la giornata di domenica, quando il semaforo verde si è finalmente acceso per dare il via alle due manche di gara. 248 equipaggi iscritti, numero record degli ultimi cinque anni. Tra i cinque equipaggi femminili le trapanesi Alessia Sinatra (Radical SR4) e Martina Raiti (Osella PA 21 Junior. La 59^ Monte Erice non è solo Campionato Italiano Velocità Montagna, ma anche prova valida per il Trofeo Italiano Della Montagna sud e la New Generation Racing di Catanzaro ha schierato 5 piloti ottenendo ottimi risultati. Risultati ottimi per la scuderia Catanzarese, che nonostante qualche intoppo riscontrato nella tre giorni ha portato comunque un ottimo risultato a casa.

Domenico Scola è invece il Campione Italiano Velocità Montagna assoluto e di gruppo E2SS. Il giovane cosentino della Jonia Corse sulla Osella FA 30 Zytek, prototipo monoposto preparata dalla Paco 74 ed equipaggiata con gomme Avon, ha realizzato il record in 2’52”583 in gara 1 ed ha vinto entrambe le gare della competizione organizzata dall’Automobile Club Trapani, decimo round di Campionato Italiano Velocità Montagna e primo delle fasi finali a coefficiente di moltiplicazione del punteggio aumentato a 1,5. Sul podio della gara siciliana è salito anche il catanese Domenico Cubeda al volante dell’Osella FA 30 Zytek. Terzo il sardo della CST Sport Omar Magliona che ha conquistato il titolo di Campione Italiano Velocità Montagna gruppo E2SC
monte ericeDal comunicato dell’Ufficio Stampa della New Generation Racingriportiamo i seguenti risultati del team calabrese: nelle Bicilindriche in gruppo 2, tanti problemi per Torcasio Giuseppe su Fiat 126 che hanno caratterizzato prove e gara 1, dove comunque è arrivato un secondo posto sia in gara 1 che in gara 2. Gli evidenti problemi hanno influenzato a più riprese le prestazioni del pilota lametino. In gruppo 5, terzo posto per il campione Italiano in carica Mercuri Angelo su Fiat 500. Il lametino ha sfiorato il secondo posto di categoria, ma comunque rimane un terzo posto da coccolarsi per quello che ne sarà più avanti.

In gruppo N, dopo un weekend difficile per Gatto Valerio c’è stato uno scatto d’orgoglio per il lametino su Peugeot 106 di classe 1400. Un ottimo secondo posto in gara 2 che riscatta probabilmente un intero fine settimana di difficile interpretazione.
In E1 1150, gara a podio per Trapasso Salvatore che sceso dall’Habituè della Fiat 127 per causa di forze maggiori, ha comunque cercato di portare al traguardo la Fiat Cinquecento Sporting – con cui era al via -, trovando comunque un secondo posto di classe.
n E1 1600 T, gara da podio per l’esperto Rotella Domenico che su Renault 5GT ha trovato due ottimi terzi posti di classe a pochi secondi dal duo di testa. Un’ottima prestazione che conferma la forza di Rotella e della sua Renault.

Classifica assoluta Campionato Italiano Velocità Montagna: 1. Scola (Osella Fa30 Zytek) in 5’47”34; 2. Cubeda (Osella Fa30 Zytek) a 6”13; 3. Magliona (Norma M20 Fc Zytek) a 8”86; 4. Conticelli F. (Osella Pa2000 Honda) a 16”15; 5. Caruso L. (Radical Prosport Suzuki) a 22”42; 6. Pezzolla (Osella Pa21 JrB Bmw) a 26”39; 7. Ligato (Osella Pa 21 Evo Honda) a 27”01; 8. Lombardi (Osella Pa21 Evo Honda) a 30”14; 9. Carbone (Osella Pa2000 Honda) a 39”69; 10. Blunda (Speed Rm 08) a 40”98.

Gara-1: 1. Scola in 2’52”583; 2. Cubeda a 3”241; 3. Magliona a 6”095; 4. Conticelli V. (Osella Pa30 Zytek) a 8”109; 5. Conticelli F. a 8”757.

Gara-2: 1.Scola in 2’54”763; 2. Magliona a 2”768; 3. Cubeda a 2”883; 4. Conticelli F. a 7”389; 5. Caruso L. a 10”167.

Classifica dei gruppi. Rs: 1. Scappa (Mini Cooper) in 7’23”26; 2. Liuzzi (Mini Cooper) a 4”91; 3. Loconte (Honda Civic) a 24”31. Rs+: 1. Savoia in 7’18”55; 2. Somaschini a 7”71; 3. Tagliente a 8”88 (tutti su Mini Cooper). Gr. N: 1. Migliuolo (Mitsubishi Lancer Evo) in 7’09”909; 2. Cacioppo (Mitsubishi Evo X) a 10”60; 3. Ottaviani (Citroen Saxo) a 33”98. Gr. A: 1. D’Amico (Renault Clio) in 7’10”458; 2. Guzzetta (Peugeot 106) a 8”35; 3. Mistretta (Renault Clio S1600) a 8”98. GT: 1. Peruggini (Ferrari 458) in 6’35”87; 2. Cannavò (Lamborghini Gallardo) a 11”06; 3. Parrino (Porsche 997 Gt3) a 25”67. E1.: 1. Sbrollini (Lancia Delta Evo) in 6’50”62; 2. Cardone (Audi Rs4 Superstars) a 15”39; 3. Aragona (Peugeot 106) a 15”67. E2Sh: 1. Dondi (Fiat X1/9) in 6’36”39; 2. Giunta (Fiat 126 Suzuki) a 25”54; 3. Galea (Ford Escort Mk2) a 38”88. CN: 1. Ligato in 6’14”35; 2. Lombardi a 3”13; 3. Micchichè (Osella Pa21 Evo Honda) a 18”89. E2Sc: 1. Magliona in 5’56”20; 2. Conticelli F. a 7”29; 3. Caruso L. a 13”56. E2Ss: 1. Scola in 5’47”34; 2. Cubeda a 6”13; 3. Blunda a 40”98.

 

Domenico Scola
Fabrizio la Rocca
Coboda sul podio alla 59esima Monte Erice