Attraversamento dello Stretto, la proposta di Cacciotto: “Tariffe agevolate per i residenti di Messina”

Il consigliere della Terza Circoscrizione scrive al sindaco e all’assessore alla Mobilità di Messina: “Continuità territoriale significa anche avere la possibilità economica di poter attraversare lo Stretto”

traghetto caronte“In questi ultimi giorni si è intensificata la discussione dell’aeroporto Minniti di Reggio Calabria, si è parlato della settimana europea della mobilità sostenibile ma non sfiora minimamente la questione del “pesante” ticket di attraversamento dello stretto per i residenti della provincia di Messina”- lo scrive il consigliere della Terza Circoscrizione Alessandro Cacciotto in una nota trasmessa al sindaco e all’assessore alla mobilità Cacciola.  “È piuttosto particolare- continua il consigliere- che si parli di qualsiasi forma di mobilità, quella degli autobus, quella dell’aeroporto, quella dei treni, ma senza discutere minimamente delle esose tariffe che bisogna sborsare, per i cittadini della provincia di Messina, per attraversare sia con RFI sia con Caronte & Tourist lo stretto di Messina. Posso certamente immaginare che mantenere un efficiente flotta navale non sia cosa assai facile, unitamente al tasso di occupazione lavorativa ma, rappresenta certamente una limitazione, in termini di libertà di circolazione, i pesanti costi che i residenti sono obbligati ad affrontare per raggiungere il “Continente”. Premesso che bisogna riconoscere a chi si occupa di navigazione di muovere l’economia cittadina assicurando altresì posizioni occupazionali, sarebbe opportuno- continua Cacciotto- introdurre delle tariffe agevolate, nell’attraversamento dello Stretto, per i residenti della provincia. Continuità territoriale infatti significa anche avere la possibilità, economica di poter attraversare lo Stretto. Oggi, purtroppo, recarsi sulla sponda calabra non è condizioni agevole, viste le tariffe non certamente abbordabili per tutti”. Ecco che secondo il sottoscritto consigliere sarebbe “storico” da parte del primo cittadino, nonché della Giunta tutta,  “sedersi ad un tavolo con gli armatori della città per studiare delle soluzioni economiche che possano permettere ai residenti della provincia di Messina di poter “beneficiare” di una scontistica, proprio come succede per i residenti delle Isole Eolie. Sarebbe un risultato storico- continua Cacciotto- permetterebbe ai cittadini di Messina e provincia di sentirsi, parte di quella famosa Area Metropolitana dello Stretto, ad oggi una scatola vuota.