Allerta Meteo, “Uragano Mediterraneo” in Calabria e Sicilia: sarà un Lunedì 11 Settembre di maltempo devastante, allarme per le zone tirreniche

Allerta Meteo, massima attenzione al maltempo di Lunedì 11 Settembre al in Calabria e Sicilia: allarme per un vero e proprio “Uragano Mediterraneo” nel mar Tirreno, fenomeni estremi su 8 Regioni

FulminiAllerta Meteo- Mentre il maltempo flagella il Centro/Nord Italia con una catastrofica alluvione a Livorno e una situazione molto critica a Roma, al Centro/Sud splende il sole e fa caldo a causa dello scirocco che, come ampiamente previsto nei giorni scorsi, oggi sta facendo impennare le temperature su valori estremamente elevati soprattutto in Sicilia dove Piraino, nel messinese tirrenico, ha raggiunto addirittura i +36°C. Nell’isola molte località hanno raggiunto i +33/+34°C ma fa molto caldo anche in Calabria, Puglia, Campania e Basilicata con +33°C a Cosenza e Altavilla Silentina, +32°C a Bari e Campagna, +31°C a Lecce, Cerignola, Paestum, Eboli, Battipaglia e Monopoli, +30°C a Napoli, Caserta, Foggia, Brindisi, Salerno, Reggio Calabria, Mondragone e Lamezia Terme. Proprio questo caldo rappresenta un elemento di ulteriore pericolosità per il forte maltempo in arrivo: alimenterà ulteriormente i contrasti termici con l’aria fredda che dalla prossima notte irromperà al Sud, determinando fenomeni temporaleschi devastanti. Le temperature crolleranno in alcuni casi di 20°C in poche ore! Sarà uno shock termico pazzesco. Inoltre le acque dei mari sono ancora caldissime e ciò determinerà proprio uno sfogo dei fenomeni temporaleschi particolarmente intenso nelle aree più vicine alle coste, come accaduto già oggi prima a Livorno nella notte e poi a Roma in mattinata. Da giorni parliamo di un “Uragano Mediterraneo” e la situazione è già pesantissima, confermando l’entità così estrema del maltempo. A Livorno nella notte sono caduti 200mm di pioggia in 15 minuti: Irma non ha provocato nulla del genere attraversando tutti i Caraibi mentre era una tempesta di 5ª categoria sulla scala Saffir-Simpson. Infatti a Livorno sono morte almeno 7 persone (ma ci sono altri dispersi) in una sola città, mentre Irma ha colpito una zona grande quanto tutto il Mediterraneo, attraversando Paesi molto più poveri dell’Italia dove la popolazione vive prevalentemente in baracche costruite d’argilla, e sono morte “soltanto” 27 persone. Il maltempo autunnale Mediterraneo si conferma, per l’ennesima volta (se ce ne fosse bisogno), persino più violento degli uragani oceanici. E i fenomeni di domani al Sud saranno ancor più violenti rispetto a quelli di oggi al Centro/Nord, proprio per i contrasti termici più accesi. Sono due gli elementi che preoccupano in vista delle prossime ore: dapprima la Squall-Line temporalesca che attraverserà tutto il Sud tra la prossima notte e la giornata di domani, poi il “Medicane” in formazione sul mar Tirreno nel pomeriggio di domani. Sarà un Lunedì 11 Settembre di maltempo davvero estremo, come confermano le mappe dei modelli GFS e MOLOCH. La Squall-Line temporalesca sarà il ramo più violento di questo Ciclone Mediterraneo: simile a quello di oggi a Livorno e poi a Roma, colpirà a partire dalla Mezzanotte la Sicilia occidentale, per poi intensificarsi lentamente durante la notte muovendosi verso est e attraversando tutta la Sicilia e tutto il basso Tirreno. Inizierà a colpire a notte fonda anche la Campania, per poi estendersi all’alba sulla Calabria occidentale, molto violenta, con piogge torrenziali, grandine e temporali furiosi. Nella mattinata di domani si estenderà a tutto il Sud, colpendo pesantemente Campania, Basilicata e Calabria, poi dalla tarda mattinata anche Molise e Puglia. Attenzione al pomeriggio, quando sul Tirreno con ogni probabilità nascerà il “Medicane” di cui parliamo da giorni: genererà altri violenti temporali che si abbatteranno dapprima su Roma, poi su Napoli e comunque su tutta la fascia tirrenica tra Lazio e Campania, su zone già oggi colpite da piogge torrenziali. Il maltempo colpirà anche il Nord/Est, con piogge insistenti sia oggi che domani, dove ha già piovuto abbondantemente ieri. Ma per il Nord/Est c’è preoccupazione anche per dopodomani, Martedì 12 Settembre: proprio lì si attiveranno altri forti temporali mentre al Centro/Sud tornerà il bel tempo. Ma di quest’evoluzione parleremo nei prossimi giorni, adesso è preferibile concentrare ogni attenzione sul maltempo estremo che nelle prossime ore si abbatterà sul Centro/Sud. Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale: