A Villa San Giovanni (Rc) un incontro sul tema “Includere gli Esclusi. Ergastolo, ostatività e riforma penitenziaria”

A Villa San Giovanni (Rc) un incontro dal titolo “Includere gli Esclusi. Ergastolo, ostatività e riforma penitenziaria”

carcereVenerdì 29 settembre alle ore 15, presso lo spazio sociale Nuvola Rossa di Villa San Giovanni in via 2 novembre n. 82, si svolgerà una giornata di incontro e dialogo tra familiari di detenuti, associazioni, collettivi, persone sensibili e solidali  sul tema dell’ergastolo e delle condanne ostative. Un tema difficile da affrontare in un paese che ha ormai elevato a sistema l’ emergenza e il giustizialismo. Il governo sta per varare la riforma dell’ordinamento penitenziario e dalle dichiarazioni del ministro Orlando e dei suoi sottosegretari, si percepisce la vanificazione degli Stati Generali dell’esecuzione penale dove era stata stigmatizzata l’impossibilità di accedere ai benefici penitenziari per i condannati ai sensi del 416 bis. La modifica sostanziale e non formale del 4 bis era stata salutata come elemento qualificante di tutta la riforma che avrebbe ridato speranza agli “uomini ombra” liberandoli dalla logica ricattatoria della collaborazione ma, ormai, appare del tutto evidente che la direzione che sta prendendo questa riforma, ammesso che vedrà la luce, non porterà nessun cambiamento sostanziale ma solo operazioni di facciata che, anche negli aspetti migliori, va a duplicare l’esistente. Le domande che si pongono sono tante e altrettanti i luoghi comuni. “La riforma in cantiere è in linea con la Costituzione e con le Carte internazionali dei diritti dell’uomo? Come si possono scardinare questi automatismi? Qual è il ruolo che possono assumere i familiari delle persone detenute, a fianco delle associazioni e delle persone sensibili a questi temi che vogliono combattere questa battaglia contro le pene che uccidono la speranza?”

Di questo si parlerà venerdì con: Ornella Favero – direttrice di Ristretti Orizzonti, Presidente della Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia, Franca Garreffa – docente Unical e tutor di studenti ristretti, Mimmo Petullà – sociologo e antopologo delle religioni, Antonello Nicosia – Docente di Pedagogia, studioso esperto in Trattamento Penitenziario, Direttore del Centro Studi Pedagogicamente, Giuseppe Lanzino – Avvocato. Associazione Yairaiha Onlus: Sandra Berardi – presidente, Yvonne Graf – socia, Giusy Torre – socia e Italia Zagari – socia.