Sanità in Calabria: la FIL sul direttore generale dell’Asp Brancati

medico-01“Giungono a questa Organizzazione Sindacale voci, insistenti, che la mancata nomina, da parte del Direttore Generale Giacomino Brancati, dei nuovi Direttore Sanitario e Direttore Amministrativo, siano da ricondurre alla ipotesi che nei prossimi giorni questi possa lasciare il Suo ruolo presso l’Azienda Sanitaria Provinciale, per un altro prestigioso incarico presso la Regione Calabria.  Si chiede che lo stesso Direttore Generale, qualora queste voci fossero infondate,  di smentirle, per trasmettere maggiore serenità al personale dipendente, ormai stanco di assistere a continui cambi al vertice aziendale che pare servano solo a chi va ad occupare quelle posizioni, a discapito del servizio offerto e della dignità dei lavoratori e conseguentemente procedere all’immediata nomina del Direttore Sanitario e del Direttore Amministrativo. Qualora, invece, queste voci fossero fondate, si chiede l’immediata dimissione dall’incarico al fine di non pregiudicare, ulteriormente, le sorti dell’azienda. Inoltre questa organizzazione sindacale evidenzia come  dalla disposizione di servizio n. 58 del 31/07/2017 e dalla delibera n. 429 del 01/08/2017 (piano di attuazione dell’atto aziendale “ unità di missione”) pubblicate sull’albo pretorio aziendale, emergono delle disposizioni contraddittorie peraltro adottate la prima dal solo Direttore generale ( un uomo solo al comando), la seconda dal direttore Generale con la collaborazione di un Direttore Amministrativo e Sanitario f.f. (nominati irritualmente). Ci auguriamo che sia solo un effetto provvisorio dovuto al caldo eccezionale di questi giorni.   Peraltro ad oggi rimangono irrisolte tutte le criticità che da tempo la nostra O.S. segnala e denuncia:

-          utilizzo improprio del personale, costretto in ruoli e mansioni non adatti alle proprie caratteristiche – medici ed infermieri ricoprono ruoli amministrativi (quando dovrebbero fare ben altro);

-          i dipendenti non percepiscono i buoni pasto dall’anno 2015;

-          entro settembre p.v. bisognerà erogare il saldo produttività ai dipendenti del comparto;

-          pagamento delle fatture liquidate in tempi certi, evitando l’utilizzo dei commissari ad acta (come fin oggi è sempre avvenuto);

-          criticità della rete ospedaliera ed in modo particolare della gestione delle emergenze e delle urgenze del 118.

Visti tutti i punti di cui sopra questa O.S.  sollecita ancora una volta  la  nomina  al più presto di un Direttore Sanitario e di un Direttore Amministrativo“. E’ quanto scrive in una nota il segretario generale FIL, Giuseppe Martorano.