Reggio Calabria: i sindaci dell’area ionica chiedono l’intervento del sindaco

I Sindaci dell’area ionica chiedono l’intervento del Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria

falcomatàPierpaolo Zavettieri, Sindaco di Roghudi; Pino  Vumbaca, Sindaco di San Giovanni di Gerace e Salvatore Fuda, Sindaco di Gioiosa Ionica, a Palazzo Alvaro per incontrare il Sindaco Giuseppe Falcomatà e il Vicesindaco Riccardo Mauro per discutere dell’esclusione di 32 Comuni del versante Ionico dal Bando Periferie (42 Comuni, invece, hanno vista accolta la propria domanda). E’ una richiesta di intervento quella dei Primi Cittadini che, dopo aver effettuato l’accesso agli atti chiedono al Sindaco Falcomatà  di attivarsi con la Presidenza del Consiglio dei Ministri per chiedere ed ottenere un incontro. Tante le possibilità vagliate nel corso della riunione tra le quali una attribuzione in base al numero di abitanti e, ovviamente, in primis, la proposta di aumento dei finanziamenti. Unanime apprezzamento per la proposta del Vicesindaco Mauro di rimodulazione dei finanziamenti, per una redistribuzione che coinvolga tutti i Comuni, nessuno escluso. “Spirito di solidarietà e sentimento metropolitano devono animare la nostra attività – ha affermato Maurocosì come in passato è avvenuto ad opera del Comune di Reggio Calabria che, per il bene di tutti ha rinunciato a qualcosa nell’ambito dei Patti per il Sud”.

Massima disponibilità da parte di Falcomatà che accoglie le richieste e chiarisce alcuni punti: “Chiederò formalmente un incontro al Ministero – sono le parole del Sindaco – per proporre una rimodulazione del finanziamento, cosicché ogni Comune possa beneficiare dello stesso. Il metodo adottato per i Patti per il Sud, d’altronde, dimostra ampliamente, con fatti tangibili, quale sia la linea tenuta dall’Amministrazione: quella di far si che nessun Comune resti indietro. Auspichiamo come detto una rimodulazione, che una volta ottenuta verrà discussa in una nuova fase di confronto tra i sindaci”.