Reggio Calabria: conclusa la fiera nazionale del libro all’aperto “Xenia Book Fair”

Cala il sipario su Xenia Book Fair,  la fiera nazionale del libro all’aperto. Rammarico degli organizzatori per la mancata partecipazione di una rappresentanza istituzionale del Comune di Reggio Calabria

libroSi è concluso il 30 luglio Xenia Book Fair – la fiera nazionale del libro all’aperto di Reggio Calabria; un evento editoriale particolarmente significativo non solo per la città dello Stretto. L’Accoglienza è stato il principio cardine che ha legato in un unico filo conduttore i numerosi incontri culturali, musicali e ludici previsti dal 27 al 30 luglio presso il Parco della Mondialità di Gallico (RC). Un programma ricco di eventi impreziosito dall’intervento di alcuni dei più grandi scrittori del mondo. In quattro giorni di fiera si sono alternati la promettente scrittrice georgiana Ruska Jorjolani, la più nota scrittrice russa Alisa Ganieva, lo scrittore libanese Hafez Haidar (candidato al Nobel per la Pace) e poi ancora l’avvocato Laura Barberio, l’europarlamentare Cécilie Kyenge, invitata come relatrice all’incontro culturale del 29 luglio (per il secondo anno) dall’organizzazione della fiera, il noto poeta georgiano Dato Magradze, già ministro alla cultura del suo paese e candidato al Nobel per la letteratura, il plenipotenziario georgiano Davit Bazeraschivili e tanti altri. In tale occasione la Leonida Edizioni ha inaugurato attraverso la presentazione del primo libro firmato da Dato Magradze una nuova collana: Vite straordinarie. L’obiettivo della nuova sezione editoriale vuole essere aderente al profilo della casa editrice che si traduce nello sforzo di dare continuità a quella linea di pensiero riconducibile alla scoperta ed al riconoscimento dell’Altro. La collana- come ha spiegato l’editore Domenico Pòlito-accoglierà le pubblicazioni di grandi autori del panorama culturale mondiale con un occhio di riguardo agli scrittori dei paesi transcaucasici. A dirigere la sezione editoriale la talentuosa scrittrice reggina Valeria Siclari e la redattrice della Leonida Edizioni Francesca Tuccio. Massiccia la presenza del pubblico che ha seguito con estremo interesse e coivolgimento emotivo il programma ricco di eventi. La fiera (apolitica e areligiosa) non usufruisce di contributi pubblici e rappresenta un unicum nel suo genere, relativamente a Xenia Book Fair, l’organizzazione si attiverà presto ad approvare una interessante proposta del ministro georgiano David Bazeraschivili che ha accolto favorevolmente la collaborazione tra la casa editrice reggina e la Georgia. “Emblematica e a dir poco paradossale e imbarazzante-commentano gli organizzatori- ”l’assenza ingiustificata per il terzo anno consecutivo di una rappresentanza istituzionale del comune di Reggio Calabria“.