Provincia di Messina, in fase di avvio le procedure per la dichiarazione del dissesto finanziario

In Provincia di Messina sono in fase di avvio le procedure per la dichiarazione del dissesto finanziario

palazzo zanca messina (2)Stranisce e preoccupa, a seguito del ritrovato senso democratico del Parlamento siciliano che, giusto ieri, ha normato ed approvato il ripristino del sistema elettivo ed elettorale nelle ex Province siciliane, quanto emerso dalla stampa locale messinese, circa la volontà del commissario Filippo Romano di avviare le procedure per la dichiarazione di dissesto economico e finanziario dell’Ente  provinciale di Messina.

Premesso che per quanto emerso ieri in Ars, bisognerebbe ben capire se le figure commissariali possono essere ritenute decadute dall’incarico e che a nostro avviso male si coniugano i diversi ruoli di rappresentante dello Stato nelle vesti di vice Prefetto vicario di Siracusa e Commissario in rappresentanza del Consiglio Provinciale di Messina del dott. Filippo Romano, è bene chiarire che lo stesso, per la funzione rivestita nella nostra Provincia, può esclusivamente limitarsi ad esprimere allo stato attuale un atto di indirizzo circa la propria volontà, ma assolutamente non può sostituirsi alla conferenza dei sindaci ed al rappresentante dell’esecutivo e della Giunta di Palazzo dei Leoni.

Ancora più inquietante e meritorio della Vostra attenzione che, la volontà di dissesto emersa dalla stampa, arrivi il giorno dopo della reintroduzione del sistema democratico elettivo ed elettorale di primo livello, e che sia espresso con 50 giorni di anticipo rispetto al termine ultimo di approvazione del bilancio previsionale che è fissato per il 30 settembre 2017.

Inoltre, corretto ricordare che, il Governo nelle persona del Presidente on. Rosario Crocetta, già per giorno 8 agosto, aveva promosso apposito incontro per affrontare e risolvere le problematiche legate alle criticità economiche e finanziarie dei nove Enti provinciali, incontro rinviato ai prossimi giorni così da consentire le necessarie ricognizioni economiche e finanziarie.

Tra l’altro, Vi invitiamo a richiedere all’Assessorato regionale competente, ulteriore opportuna ricognizione circa il presunto disavanzo d’amministrazione per l’anno 2016 dei diversi Enti provinciali, così da rintracciare e recuperare risorse che abbatterebbero l’attuale debito compressivo di circa 190 milioni di euro dell’ex nove Province Regionali, ricordando che giusto Messina, con i suoi attuali 18 milioni di euro, è tra le province meno indebitate e per cui, anche a seguito  delle volontà governative e parlamentari, meno si giustifica l’aggressiva decisione del commissario Filippo Romano.

Pertanto, ricordando che le elezioni provinciali non possono più essere procrastinate o bloccate, neanche dal dissesto economico e finanziario paventato, Vi invitiamo ad intervenire con urgenza e forza affinché si scongiuri quanto nelle volontà del commissario Romano, ponendo finalmente un freno alla triste e lunga epoca dei “commissari professionisti” nelle ex Province regionali siciliane.

Il Capo Gruppo M.L.I.  Roberto Cerreti