fbpx

Messina: al Teatro dei 3 Mestieri ultimo spettacolo della rassegna “Qui è estate”

Al Teatro 3 Mestieri di Messina ultimo spettacolo della rassegna “Qui è l’estate”

il tempo della melaUltimo spettacolo della rassegna “Qui è estate” con la commedia noir “Vecchia a chi? Il tempo della Mela”. Cala il sipario sulla rassegna “Qui è estate” organizzata dal Teatro dei 3 Mestieri di Messina. Giovedì 31 agosto alle ore 21.30 protagoniste dell’ultimo spettacolo della manifestazione estiva saranno le attrici Milena Bartolone, Gabriella Cacia, Elvira Ghirlanda con la commedia noir Vecchia a chi? Il Tempo della Mela, con la regia di Marcantonio Pinizzotto. Nella cucina di casa, nonna, figlia e nipote, provano a far convivere le proprie esistenze e ad attenuare l’impatto dello scontro tra i rispettivi fallimenti generazionali. Una illusa e lacerata dal boom economico, un’altra sconfitta dall’idealismo, una incapace di emanciparsi e di intesser e relazioni che non siano patologiche. La rassegna “Qui è estate”, che ha la direzione amministrativa di Angelo Di Mattia, la direzione artistica di Stefano Cutrupi per il teatro e di Sarah Lanza per la danza, si svolge all’aperto nello spazio esterno del teatro che si trova a Tremestieri, S.S. 114 Km 5,600 Via Roccamotore. Nelle prossime settimane, la direzione del Teatro dei 3 Mestieri renderà nota la stagione invernale che si preannuncia essere ricca di sorprese.Prima dello spettacolo è previsto un apericena a partire dalle ore 20.30. Note di regia “Vecchia a chi? Il Tempo della Mela”:Resistenza e sopravvivenza o altrimenti patimento e scomparsa: questa è un’opera di un altro tempo che si consuma nello spazio destrutturato della quotidianità domestica e nel ‘tempo della Mela’. Sviluppandosi oltre la dimensione lineare di passato-presente-futuro, il tempo della Mela è il tempo non solo storico di tre età, ma anche di tre funzioni del femminile in assenza dell’uomo. È il prodotto tragicomico del conflitto tra identità e necessità, rivoluzione e morale, pulsione ed ideologia. Da qui la scelta di una scena costruita per sottrazione: ciò che rimane pur avendo le sembianze di un’iconicità dimenticata, rischia di aver senso e di dire una parte di verità oltre ogni rappresentazione.