fbpx

Locri, Ieraci: “scenderemo in campo al fianco dei lavoratori del Call&Call”

Locri, Ieraci: “scenderemo in campo al fianco dei lavoratori del Call&Call”

call center“Il 26 Agosto scenderemo in campo al fianco dei lavoratori del Call & Call Lokroi”. E’ quanto afferma in una nota il Presidente dell’ associazione Culturale ” Nuovi Orizzonti per il Sud ” Roberto Ieraci. “E’ necessario farsi sentire in un territorio dove purtroppo i cittadini si vedono quotidianamente sfogliati dei propri diritti e dove la piaga occupazionale ha oramai superato tutti i livelli di guardia. Il diritto al lavoro non può essere calpestato così. Dall’ oggi al domani 130 persone che in questi anni hanno creduto nel progetto del contact center si troverebbero senza un lavoro vedendosi preclusa qualsiasi prospettiva di futuro. Dopo i tanti annunci spot compresi quelli sul Decreto Sud dove il Premier Gentiloni affermava che investire al Sud è piu’ facile e conviene , la già martoriata Locride si vede affossare un altro terribile colpo. Così non va. Si vanno ampliando le zone di emarginazione sociale nel nostro territorio, in un meridione che viene sempre relegato più a Sud. Bisogna ” lottare” per il futuro del nostro territorio.  Bisogna trovare nuove aziende che vogliano investire nella Locride con progetti seri e duraturi . Nella Locride c’è gente che vuole lavorare, ma bisogna anche metterla in condizione di farlo. Non possiamo passare sempre come una zona che vive di assistenzialismo o che si ” adagia” sul vittimismo. Si parla tanto di lotta alla mafia e di educazione alla legalità nei nostri territori  ma poi non si fa nulla di concreto per mettere in atto politiche sane e di sviluppo.   La Locride non è presente nell’ agenda politica  regionale nè nazionale. Dobbiamo farcene una ragione. O forse non lo è mai stata. Per questa bisogna fare rete fra i diversi territori per far sentire la voce di una Locride che vuole ancora essere protagonista” conclude Roberto Ieraci Presidente Associazione Culturale ” Nuovi Orizzonti per il Sud”