Il Gal riparte da Locri: “È giunta l’ora di ricominciare a pensare al progetto di sviluppo”

Muta l’organigramma del Consiglio di Amministrazione del GAL: il sindaco Calabrese e il presidente della Jonica Holiday, Maurizio Baggetta, sono stati eletti in qualità di nuovi membri dell’organo direttivo 

GALMuta l’organigramma del Consiglio di Amministrazione del GAL Terre Locridee.

Nella giornata di ieri, infatti, il sindaco di Locri, Giovanni Calabrese e il presidente della Jonica Holiday, Maurizio Baggetta, sono stati eletti in qualità di nuovi membri dell’organo direttivo dall’assemblea riunitasi al Palazzo della cultura di Locri, alla presenza del direttore generale Guido Mignoli, che faceva le veci dei dimissionari Pietro Fuda e Pasquale Perri.

Ma l’incontro di ieri sera, al quale erano presenti 30 membri su 58, si prefigge di essere una vera e propria rifondazione dell’organismo, trasferitosi ufficialmente da Siderno a Locri e, è stato dichiarato durante l’incontro dal presidente Francesco Macrì, “ormai prossimo a trasferire presso il Palazzo della Cultura anche la propria sede legale”.

Adesso che le pratiche burocratiche sembrano essere finalmente risolte, la speranza dei membri del GAL Terre Locridee è che si possa pensare concretamente al progetto di sviluppo presentato dal CdA alla Regione Calabria, il cui finanziamento ha subito ritardi giustificabili solo dalle difficoltà incontrate nella costituzione del gruppo di lavoro.

Adesso che la rifondazione ha dato buon esito, ha dichiarato sempre il presidente Macrì, non ci sono i presupposti per non concedere il finanziamento di 5 milioni promesso a suo tempo dall’organo amministrativo regionale”.