Elezioni Regionali, Siciliani Liberi a Messina: “primo obiettivo l’autonomia finanziaria dell’isola” [FOTO]

  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
  • Lillo Lo Cascio
    Lillo Lo Cascio
/

Siciliani Liberi a Messina, presentata a Palazzo Zanca la candidatura alle regionali di Roberto La Rosa

 Lillo Lo Cascio

Lillo Lo Cascio

Il movimento Siciliani Liberi ha fatto tappa a Messina per presentare la candidatura alla Presidenza della Regione di Roberto La Rosa. Avvocato penalista del Foro di Palermo, classe 1956, il candidato alle regionali del 5 novembre  ha al suo attivo una militanza indipendentista pluridecennale. Precisa di non aver mai  militato nei partiti italiani e di aver sempre difeso l’ideale di una Sicilia indipendente che non scende ad alcuni tipo di compromessi. Dopo aver militato, sino al 2007, nel Fronte Nazionale Siciliano, ha poi dato vita al Comitato Attuazione Sicilia-Stato, ed è stato protagonista di tutti gli eventi più importanti dell’ultimo decennio in difesa della Sicilia: la marcia per l’Indipendenza, lo Statuto-Fest, le proteste contro il Muos di Niscemi, ed altro ancora.

Oggi nella sala ovale di Palazzo Zanca ha chiarito i punti del programma elettorale: “Il nostro primo obiettivo è quello di raggiungere l’autonomia finanziaria mediante l’applicazione integrale dello Statuto Siciliano ed in particolare degli articoli economici, per poi conseguire il riconoscimento europeo della ZES (Zona Economica Speciale) in tutta l’isola. Questo consentirebbe di abbattere tasse e balzelli imposti dal governo italiano, come per esempio (Iva al 10%, agevolata al 3%, Ires e Irap al 20%), di creare un’agenzia delle entrate siciliana, di avere polizia e finanza siciliane, ottenere una sburocratizzazione e snellimento amministrativo e la defiscalizzazione della benzina. Vorremmo riuscire, inoltre, a far ottenere a casalinghe e studenti un reddito di sostegno, la cui copertura si potrebbe avere attraverso la devoluzione dell’iva che il governo di Roma sottrae indebitamente alle casse dell’erario siciliano“.

 Lillo Lo Cascio

Lillo Lo Cascio

ll Movimento politico Siciliani Liberi propone inoltre “l’introduzione di una moneta complementare e speciali norme in materia commerciale, riguardanti in particolar modo l’agricoltura, la pesca, l’energia, la gestione del demanio pubblico, la fiscalità di vantaggio, la zona doganale agevolata e i porti franchi, la sburocratizzazione, la difesa del nostro prodotto agroalimentare e ittico, la radicale devoluzione legislativa e amministrativa, la costituzione di una autonoma polizia e magistratura, la ricostituzione dell’Alta Corte Siciliana. Il movimento- spiegano– non fa alleanze con i partiti politici italiani”.

Per quanto riguarda Messina– chiarisce il coordinatore provinciale, Gianluca Castriciano, – il nostro fine è quello di farla ritornare alla sua vocazione naturale, ovvero il commercio marittimo, restituendole l’autonomia portuale, danneggiata dalla politica scellerata dell’attuale Governo Regionale, avallata dal Sindaco che nulla ha fatto per la tutela di questo settore fondamentale per la nostra città”.

“Miriamo inoltre- continua– al ripristino di un ente regionale per la gestione del Punto Franco, da espandere nella zona ASI di Giammoro, con la conversione delle aziende petrolifere di Milazzo in piccole o medie imprese per la lavorazione e trasformazione dei prodotti e delle materie prime provenienti dal Punto Franco, rilanciando così la fiera internazionale di Messina che diverrebbe vetrina dei lavorati provenienti dalle suddette aziende. Lotteremo, ancora, affinchè tutto il demanio marittimo, oggi sotto controllo dello Stato, venga devoluto alla Regione come da art.32 dello Statuto Siciliano.

 Lillo Lo Cascio

Lillo Lo Cascio

Ci opporremo alla fusione tra ANAS e CAS (consorzio autostrade siciliane) che gestisce circa 90 milioni di euro di liquidità e ciò permetterebbe di sopprimere il pagamento del pedaggio di Villafranca.

Ci batteremo per migliorare la Sanità pubblica e perchè vengano aumentati i posti letto negli ospedali della nostra provincia, ovviando così ai tagli effettuati dal Governo Crocetta. Sotto l’aspetto culturale e turistico poi, il nostro intento è quello di portare in auge la storia e le tradizioni della nostra città, realizzando anche il sogno ambizioso di avere un museo 3d con un percorso virtuale attraverso la città pre e post terremoto”.

Gianluca Castriciano, 39 anni impiegato, è laureato in Scienze politiche con Master in Storia degli ordinamenti giuridici e politici dei paesi dell’Europa mediterranea attivista da oltre 10 anni a Messina con varie associazioni per la valorizzazione dell’identità siciliana e la difesa dello Statuto Autonomo. Non ha mai militato in partiti italiani. Ha maturato esperienze lavorative, di studio e politiche in Catalunia e Galizia (Spagna), regioni fortemente a trazione identitaria collaborando con alcuni deputati catalani attraverso l’associazione Sicilia – Catalunya. Come Roberto La Rosa è stato protagonista degli eventi più importanti dell’ultimo decennio in difesa della Sicilia, dalla marcia per l’Indipendenza alle proteste contro il Muos, passando per lo Statuto Fest ed altre manifestazioni a carattere identitario.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...