Dalai Lama a Messina, Picciolo: “Per risollevare le sorti della città non basta la visita di un premio Nobel”

Picciolo: “La presenza di un premio nobel a Messina resterà un caso isolato, frutto di una scelta di campo che rischia di divenire personale; auspichiamo che in  futuro altre personalità possano attraversare le strade della nostra bella città”

dalai-lama-in-siciliaParossistici e certamente inusuali appaiono i modi ed i toni, registrati in queste ore da più parti, per commentare o sproloquiare sulla visita a Messina di una personalità come il Dalai Lama.  
A nome del gruppo politico che rappresento – ha sottolineato l’on. Beppe Picciolomi sento esclusivamente di evidenziare che se, per risollevare la nostra città dal tragico declino verso cui è protesa, bastassero le visite di donne e uomini illustri saremmo i primi ad invitare il Sindaco Accorinti a proseguire su questa strada. Purtroppo per noi temiamo che la presenza di un premio nobel a Messina resterà un caso isolato, frutto di una scelta di campo che rischia di divenire personale; mentre auspichiamo che in un futuro prossimo altre personalità possano attraversare le strade della nostra bella città e soprattutto deve valere il principio che a Messina tutti coloro che hanno dato lustro al genere umano, facendosi portatori di valori universali come la pace e la fratellanza, non potranno che diventare loro stessi cittadini emeriti di questa comunità e di conseguenza venire accolti con gli onori che meritano. Sulle modalità e la forma con le quali si è arrivati ad organizzare la visita si potra’ anche dissentire- conclude Picciolo- ma sull’importanza e sull’auspicio di poterne celebrare altre 1000 non è possibile discutere: a Messina un Dalai Lama al giorno per ridare speranza e coraggio alla nostra comunità” .