Calabria, rinviata la seduta del Consiglio regionale. Nicolò, Cannizzaro e Orsomarso: “Decisione sconcertante, la maggioranza sfugge alle proprie responsabilità”

Palazzo-Campanella-Regione-Calabria“Consideriamo sconcertante la decisione dei gruppi di maggioranza di sconvocare la seduta del Consiglio regionale già decisa per domattina, a causa dei contrasti interni al centro sinistra, incapace dunque di garantire l’elezione del nuovo Ufficio di Presidenza della massima Assise della Calabria, il cui mandato, peraltro, era già abbondantemente scaduto dallo scorso giugno”.

E’ quanto dichiarano in una nota congiunta i capigruppo dell’opposizione Alessandro Nicolò (Forza Italia), Francesco Cannizzaro (Casa delle Libertà) e Fausto Orsomarso (Gruppo Misto), sottolineando che “La maggioranza alla Regione, dilaniata dai contrasti, non riesce più neppure ad assicurare l’agibilità istituzionale e, sfuggendo alle proprie precise responsabilità, finisce col paralizzare anche l’Assemblea regionale”.

Aggiungono i tre capigruppo: ”Alla vigilia della seduta, convocata a ridosso della pausa di Ferragosto, il capogruppo Sebi Romeo, rappresentante della principale forza politica di governo, ha chiesto il rinvio della seduta ottenendo il consenso degli altri capigruppo della maggioranza, registrando il nostro più netto dissenso”.

Con questa decisione, della cui gravità senza precedenti il centrosinistra si assume interamente ogni responsabilità – concludono i tre esponenti politici – si conferma il quadro desolante della crisi politica del principale partito della maggioranza che si ripercuote negativamente non solo sul governo regionale ma anche su tutte le istituzioni facendo pagare un prezzo alto in termini di credibilità e di prestigio persino al parlamento regionale, luogo deputato a rappresentare tutte le istanze dei cittadini calabresi.”