Calabria: proseguono i controlli della guardia costiera a tutela dell’ambiente marino

 Calabria: proseguono i controlli della guardia costiera a tutela dell’ambiente marino

guardia costieraTutti gli uffici della Direzione marittima calabrese sono impegnati intensamente sul fronte della sicurezza in mare e sulla vigilanza ambientale nell’operazione “Mare Sicuro 2017” (organizzata dal Comando Generale delle Capitanerie di porto) che, come ogni anno, mira a garantire il sicuro svolgimento della stagione balneare ed una corretta fruizione delle spiagge e del mare. Per il ponte di Ferragosto saranno intensificati i controlli e la presenza lungo tutto territorio di giurisdizione, mediante il dispiegamento di ulteriori risorse ad integrazione degli uomini e delle donne delle capitanerie di porto già impiegati dal 17 giugno sui 39 mezzi navali e sulle 32 pattuglie terrestri. Nel solo tratto di mare del Compartimento marittimo di Reggio Calabria sono state dispiegate 7 unità navali per garantire la totale copertura della fascia marittima compresa tra Capo Spartivento e Bagnara Calabra. A terra invece saranno presenti 5 pattuglie che assicureranno la vigilanza su spiagge libere e stabilimenti balneari. Il personale della Guardia costiera sarà presente ogni giorno presso, le spiagge  le strutture dedicate alla nautica da diporto e le aree marine protette, al fine di prevenire o reprimere gli eventuali comportamenti contrari alla disciplina di sicurezza della navigazione e della balneazione, favorendo così una sicura e libera fruizione dei litorali. Tali obiettivi sono strettamente connessi alla tutela e protezione dell’ambiente marino e costiero e delle risorse ittiche, attività che la Guardia costiera svolge come prioritaria per l’intero arco dell’anno e che nel periodo estivo viene ulteriormente perseguita con sempre maggiore sforzo operativo in considerazione del noto incremento delle criticità connesse con la depurazione. Fino ad oggi, dai controlli effettuati nell’ambito dell’operazione Mare Sicuro sono scaturite 40 notizie di reato e sono stati elevati 240 verbali amministrativi. Le persone soccorse sono state140 e i decessi registrati sono 13, in aumento rispetto la stagione trascorsa.

Alla luce degli incidenti verificatisi si rammenta la necessità di rispettare le regole di sicurezza e di fruire il mare secondo le norme di comune buonsenso e prudenza. Presso le strutture balneari e sul sito della Guardia costiera sono presenti le ordinanze di sicurezza balneare emesse da ogni ufficio Circondariale ove è possibile trovare le regole relative la balneazione e le attività diportistiche. In particolare si ricorda che è vietato il transito di unità navali nella fascia di mare fino a 200 metri dalla battigia, delimitata da apposite boe di colore rosso/arancione, che durante la stagione estiva è prioritariamente riservata alla balneazione. Le unità navali possono accedere alla battigia – peraltro solo per il tempo strettamente necessario per il trasbordo di passeggeri o lo scarico di merci, essendo vietata la sosta – percorrendo a lentissimo moto, laddove presenti, i corridoi di lancio appositamente previsti e segnalati; in assenza di corridoi di lancio, è obbligatorio spegnere il motore, sollevarlo e procedere a remi prestando sempre la massima attenzione in presenza di bagnanti. La Guardia Costiera di Reggio Calabria invita alla prudenza ed al buon senso di tutti coloro che trascorreranno una giornata di mare lungo i litorali e le baie della Calabria e della Basilicata, in considerazione della previsione di una crescente affluenza nei siti balneari durante il lungo ponte di Ferragosto. Infine si ricorda che il numero blu 1530 è il numero telefonico gratuito, valido su tutto il territorio nazionale, riservato esclusivamente alle emergenze e soccorso in mare, che consente di mettersi in contatto con la più vicina Capitaneria di Porto