Turismo, Messina scompare dalla cartina geografica: “The Guardian” ignora l’esistenza della città

Il giornale inglese si propone di consigliare ai turisti le migliore mete della Sicilia Orientale, suggerendo percorsi e tour gastronomici. La cartina a corredo dell’articolo è sconcertante: Messina non è neanche menzionata

19598535_10213950326499277_8800791927185862342_nForse c’è un disegno preordinato per escludere Messina, forse la città non è in grado di promuovere le sue bellezze. Ma sembra proprio che sia stata organizzata una congiura contro la città. Dopo la clamorosa gaff in diretta tv in occasione del G7, quando i giornalisti di Rai New 24 hanno arbitrariamente stabilito che Taormina fosse provincia di Catania (del resto, come dargli torto, visto che in quell’occasione a fare gli onori di casa con gli ospiti internazionali fu proprio il sindaco della città Etnea), adesso Messina è proprio scomparsa dalle cartine geografiche. A deciderlo è uno dei più autorevoli giornali d’Inghilterra: il “The Guardian”.   Nella rivista pubblicata online da sabato scorso, il giornale inglese si propone di consigliare ai turisti le migliore mete della Sicilia Orientale, suggerendo percorsi e tour gastronomici, con tanto di foto. La cartina a corredo dell’articolo è sconcertante: Messina non è neanche menzionata. La città è stata cancellata dalla mappa, la città è inesistente. E mentre sui social qualcuno commenta sarcastico che i turisti scappano dalla città per la puzza nauseabonda della spazzatura che invade le strade, Messina perde così un’altra opportunità di mettere in risalto agli occhi del mondo le sue bellezze, a cui in in ordine di tempo l’ ultima che si aggiunge è quella della nuova area del Museo. Di fronte all’ennesimo smacco alla città e consapevoli delle bellezze che Messina ha da offrire al mondo, cittadini e Amministrazione non dovrebbero certo rimanere indifferenti. Noi in risposta a questo ennesimo affronto, abbiamo deciso di “reagire”  pubblicando nella fotogallery qui sotto i migliori scatti che ritraggono solo alcuni degli scorci e dei delle opere più belle visitabili della città dello Stretto.

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
Foto StrettoWeb / Salvatore Dato