Sicilia, ritorna il CastrorealeMilazzo jazz festival con grandi appuntamenti

Torna il CastrorealeMilazzo jazz festival con una serie di novità e appuntamenti inperdibili

Schermata 2017-07-01 alle 13.14.29Ritorna il CastrorealeMilazzo jazz festival. Dopo il riuscitissimo connubio tra i due comuni tirrenici dello scorso anno, che ha fatto registrare il sold out in tutte le date, si rinnovano collaborazione e intesa all’insegna della musica e dell’attenzione alla crescita culturale del territorio. Il cartellone, con cinque appuntamenti, è impreziosito dalla presenza di icone del jazz internazionale. A partire da Scott Henderson, a cui è affidata l’apertura, per arrivare a leggende viventi come Billy Cobham e Stanley Jordan che chiuderanno l’edizione.

Il festival inizia il 23 luglio dal Castello di Milazzo con SCOTT HENDERSON TRIO. Henderson è uno dei più importanti chitarristi al mondo, si contraddistingue per tecnica e sound straordinari, che spaziano dal jazz, al blues, al rock. Ha avuto la sua consacrazione con il progetto Tribal Tech. E’ stato il chitarrista dell’Elektric Band di Chick Corea e dello Zawinul Syndicate.

Il 27 luglio, nella simbolica piazza Peculio, Castroreale ospiterà il concerto di DORANTES TRIO. David Dorantes è, attualmente, il pianista flamenco più acclamato nel panorama internazionale; è un esploratore di nuovi orizzonti musicali e, pur preservando la tradizione, riesce ad interpretare vari generi con grande virtuosismo, ricchezza espressiva, libertà creativa e forte contemporaneità. Si accompagna al batterista Javi Ruibal ed alla ballerina Leonor Leal.

Anche il 29 luglio il festival resta a Castroreale, ma esce dalla consueta cornice e cambia totalmente location. Infatti, si sposta in montagna, a “Tre Pizzi”, nei freschi boschi che circondano il paese e che si affacciamo sul Tirreno, offrendo scorci mozzafiato sulle isole Eolie. In questo suggestivo scenario, si esibirà, al tramonto, l’arpista newyorkese PARK STICKNEY, musicista dalla singolare personalità artistica che ha contribuito a trovare nuovi spazi musicali all’arpa classica, accostandola alle sonorità jazz. Stickeny ha intrapreso un’intensa carriera musicale tenendo concerti in tutto il mondo, ed anche una significativa attività formativa dalla sua cattedra di arpa Jazz alla “Royal Academy of Music” di Londra.

Il festival chiude le date castrensi il 6 agosto, rientrando nell’abituale palcoscenico del centro storico, con lo straordinario concerto degli ACA SECA. Un trio vocale-strumentale formato da Juan Quintero alla chitarra, Andrès Beeuwsaert al piano, Mariano Cantero alla batteria, che è diventato l’emblema dell’evoluzione musicale argentina. Sulla scena dal ’98, ha incassato consensi ed apprezzamenti del pubblico di qualità, vendendo migliaia di dischi e distinguendosi per le raffinate armonie e le originali composizioni.

La kermesse si conclude al castello di Milazzo l’8 agosto con due star, due giganti del jazz internazionale: il batterista BILLY COBHAM e il chitarrista STANLEY JORDAN. Entrambi, per motivi diversi, hanno rivoluzionato la storia del jazz ed innovato il modo di interpretate il loro strumento. Cobham virtuoso, poliritmico, ha scritto pagine di musica operando la fusione tra jazz e rock. Jordan ha sperimentato e innovato l’approccio alla chitarra introducendovi i concetti di “touch o tapping”e l’uso pianistico del suo strumento. Sul palco con loro, il virtuoso bassista cileno CHRISTIAN GALVEZ.

Tutti concerti da non perdere quelli proposti dalla Pro loco Artemisia per Castroreale e dall’Associazione Luci a Sud, per Milazzo, organizzati con lo spirito e la cura di ogni edizione perché, per dirla con Billy Cobham: “il bello del jazz è che ogni cosa è possibile: suonando e guardando sempre oltre, verso l’alto”.